Scrittura Industriale Collettiva: ovvero, come scrivere un romanzo a 200 mani

Scrittura industriale collettiva

È possibile una scrittura creativa su scala industriale, basata su una vera e propria catena di montaggio narrativa? Si può scrivere un romanzo non a quattro, né a otto, né a trentadue, ma addirittura a duecento mani? Certo che sì, ma si deve ricorrere al metodo SIC, Scrittura Industriale Collettiva. Pensato per scrivere romanzi e racconti in gruppi di almeno quattro persone, il metodo SIC è stato ideato nel 2007 da Gregorio Magini (@peterpoe su Twitter) e Vanni Santoni (@vannisantoni), già autore de Gli interessi in comune.

Il sito del SIC funziona da punto di incontro, da quartier generale e da supporto (tutto gratuito) alle équipe di scrittori professionisti e dilettanti che vogliano dedicarsi alla scrittura collettiva. Il metodo è riassumibile in tre punti: «1. Tutti gli scrittori scrivono tutte le parti del racconto/romanzo. 2. Gli scrittori sono guidati da uno o più "Direttori Artistici", che si occupano di selezionare e uniformare il materiale scritto. 3. La scrittura avviene attraverso la compilazione di "Schede", ognuna delle quali tratta un aspetto della produzione (un personaggio, un luogo, una scena, ecc)». Questo in sintesi, ma il concetto è spiegato meglio nelle pagine di documentazione.

Il sito del metodo SIC ospita anche una bella biblioteca di romanzi collettivi fatti e finiti. Si va da Il Principe, «una storia di amore, violenza e squallore tra Padova e Brusegana», ad Alba di piombo, «racconto d'azione ambientato nel 1977, tra la Bologna della contestazione studentesca e la Torino della grande industria»; da Notturni per ipermercato a Il sopralluogo, etc.

Può essere questo un ramo del futuro della letteratura? Riusciremo prima o poi ad affrancarci dal mito del titanico scrittore solitario, per proiettare in una dimensione collettiva e relazionale anche il santuario della scrittura creativa? Ai posteri...

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO