Da gennaio una nuova collana per Rizzoli: Prima Persona

nuova collana della rizzoli prima persona

La casa editrice milanese Rizzoli lancerà in tutte le librerie, a partire da gennaio, una nuova collana dal titolo di Prima persona, una collana che non raccoglierà testi letterari di natura finzionale, ma, al contrario, racconti e testimonianze di vita scritte per l'appunto in Prima persona dagli stessi protagonisti delle vicende narrate.

I titoli già annunciati dalla casa editrice milanese sono tanti: si parte da La vita ai supplementari, di Giovanni Galli, attraverso il quale l'ex portiere del Milan e della nazionale italiana affronta il tema della perdita del figlio, morto a diciasette anni in un incidente stradale, fino a Vorrei dirti che non eri solo, di Ilaria Cucchi, che ripercorre la tragica fine di Stefano Cucchi, giovane morto in carcere in circostanze misteriose qualche mese fa, o ancora Un posto chiamato patria, scritto dal fratellastro di Barack Obama, George, sulla sua vita di spacciatore a Nairobi.

Insomma i titoli sono tanti e molto vari, ma il principio che sta alla base dell'intero progetto sembra essere uno e uno solo: inseguire il pubblico nel vasto e sterminato territorio dell'attualità, dalla politica, allo sport, dalla cronaca fino al gossip, facendo parlare in prima persona i protagonisti, entrando nella loro vita privata, rivoltandola, per cercare di stuzzicare nel pubblico dei lettori lo sguardo perverso del voyeur. Ma forse è ancora presto per giudicare, forse è il caso di aspettare l'inaugurazione della collana, che sarà lanciata all'inizio del 2010 da Diario per mio figlio di Dana Canedy.

Via | Affari Italiani

  • shares
  • +1
  • Mail