Tutto l'amore di nonna Lola, di Cecilia Samartin

“Da bambina, una delle cose che più mi piaceva fare era sedermi su una roccia con vista sulla vallata, con una ciotola di panna fresca (...)”
“E lì è dove hai imparato a cucinare, vero?” le chiese Sebastian, ripensando alla semplice cucina che sua nonna gli aveva descritto già tante volte. (...)
“Sì”. rispose lei annuendo con la testa. “Ed è lì che ho imparato che un piatto preparato con amore non solo sazia il corpo, ma nutre anche l'anima”.

Sebastian, il protagonista di Tutto l'amore di nonna Lola, di Cecilia Samartin ha dieci anni, e dei complicati problemi cardiaci. Guarda i suoi compagni di classe giocare a ricreazione e non può far altro che starsene fermo, con gli occhi chiusi, ad intercettare il ritmico battere della palla contro le scarpe da ginnastica negli anni.

E' uno dei pochi momenti di pace, prima che Keith e gli altri bulletti lo costringano di nuovo a fare il bambino-scimmia, o gli facciano promettere di smetterla, di essere sempre lui quello che aiuta la maestra a ripulire la lavagna (una delle sue pochissime piccole soddisfazioni).

Insomma, la situazione è complicata. Senza contare poi che hai una mamma che per la sua carriera di agente immobiliare ti fa campare a surgelati e non è più capace di ridere alle innocenti barzellette di papà Dean, e una sorella che da quando “essere diventata cheerleader era diventata la sua nuova religione”, resta a provare i “passi fino a molto tardi e non lo lasciava dormire per ore”.

Meno male che ci sono anche le certezze, come le visite dopo scuola a casa di nonna Lola. Nonna Lola che ringrazia per ogni ruga che ha in faccia, perchè “ogni volta che Dio risponde a una mia preghiera, me ne dona una nuova, e in questo modo posso ricordare tutte le benedizioni che mi ha concesso”. Lei che quando pensa “ai problemi della famiglia e a come gli adulti potevano rendersi più intrattabili dei bambini”, assume sempre quella espressione “afflitta e confusa”.

Nonna Lola che dopo l'incendio di casa sua, provocato come dice lei dal fatto di essersi addormentata lasciando accesi i fuochi in cucina, ha promesso che non avrebbe più rimesso mano ai fornelli. Però, dopo un malore che quasi se la porta all'altro mondo, nonna Lola cambia.

Si tinge ad esempio i capelli di un improbabile rosa fragola (il defunto marito aveva una passione per le rosse e lei fino ad allora non aveva mai avuto il coraggio di farlo) e naturalmente anche il compassato vecchio Charlie che ogni tanto viene a trovarla inizia a guardarla con occhi nuovi.

E poi, non si accontenta più, come aveva promesso ai suoi figli, di mangiare i cibi che il simpatico omone nero Terrence le porta, direttamente cucinati da una casa di cura lì vicino. Lola invece inizia a rimettere mano alle sue ricette caraibiche. Deliziose, naturalmente.

Ricette che quando le cucini è sempre meglio abbondare con le porzioni previste, perchè quando si spande il profumo per l'aria tutta la casa ti si affolla di gente che spunta dappertutto come degli scarafaggi, come dice lei. Compresi figli e nuore, che ricominciano a ruotare intorno a casa sua e imparano a dirsi di nuovo le cose in faccia, mentre la situazione a casa di Sebastian si complica ulteriormente.

Sebastian sentì che quel fragrante calore lo avvolgeva e lo penetrava. Non aveva mai visto prima così tante candele accese insieme. La loro luce era viva e si muoveva nello spazio come una brezza mistica, come uno spirito del calore. Lola era in cucina, incurvata sopra una enorme pentola che bolliva, e ne mescolava freneticamente il contenuto borbottando fra sé.

Un romanzo che ha commosso il mondo, questo Tutto l'amore di nonna Lola, grazie ai grandi cuori di nonna Lola e del suo impareggiabile angelo, Sebastian, che almeno nel breve tempo che ci mettiamo di arrivare alla fine della lettura ci danno l'impressione di riuscire a capovolgerci la vita sotto gli occhi.

E ci mettono addosso, neanche a dirlo, una gran voglia di cucinare in compagnia di chi amiamo (impossibile non aver voglia di provare a cucinare almeno il delizioso mofongo, o la torta al rum e il capretto arrosto speziato, spiluccando le ricette complete direttamente a fine libro).

Cecilia Samartin
Tutto l'amore di nonna Lola
edizioniAnordest
14.90 euro

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail