My lady Nicotine, di James M. Barrie

lady nicotine «Mi piacerebbe poter dire che ho smesso di fumare perché consideravo la cosa un’infima forma di schiavitù, tanto deplorevole per ragioni morali che fisiche, ma avevo rinunciato al più godibile dei piaceri per la sola e unica ragione che la gentildonna disposta a gettarsi tra le mie braccia mi chiese di scegliere tra quello e lei».

Una vera ‘chicca’ dai tipi Donzelli: una ‘storia di un fumatore incallito che ha smesso’ firmata nientedimenoche dall’autore di Peter Pan, James M. Barrie. Tre decenni prima dei tormenti da fumatore dello Zeno sveviano, il testo, dal titolo ‘My lady Nicotine’, pubblicato nel 1895, venne dato alle stampe quando le avventure dell’Isola che non c’è erano ancora lontane.

Il libro, informano in una nota stampa dalla casa editrice, è una raccolta di aneddoti e scene di vita ricca di humour, e viene proposto per la prima volta al pubblico italiano. Aspettiamo che esca, per metterlo sullo scaffale accanto al mitico ‘Elogio dell’ozio’ di Robert L. Stevenson. L'edizione è arricchita dai disegni che il pittore americano Prendergast creò appositamente per l’ottocentesca edizione inglese.

James Barrie
My lady nicotine
Donzelli ed.
12 euro

  • shares
  • Mail