Libri per bambini da regalare. Perché non scegliere i premiati da Nati per leggere?

Il nostro blog da tempo vuole essere una “bussola” per voi che amate i libri per bambini, grazie alla selezione di titoli che vi proponiamo. Titoli che incontrano il nostro gusto e il nostro entusiasmo, e stavolta scegliamo di dare spazio a quattro volumi che sono stati segnalati da un premio che è diventato piuttosto famoso, Nati per leggere, giunto alla quarta edizione

Mi capita spesso di dover acquistare un libro da regalare a un bambino/a figlio di amici o parenti vari, e quindi conosco bene l'importanza di una “bussola” per non comprare in fretta il solito albo da colorare o libri dedicati a personaggi di cartoni animati o film d'animazione famosi.

Naturalmente il nostro blog da tempo vuole essere quella “bussola”, per la selezione di titoli che vi proponiamo, che incontrano il nostro gusto e il nostro entusiasmo, ma stavolta scegliamo di dare spazio a quattro volumi che sono stati segnalati da un premio che è diventato piuttosto famoso, Nati per leggere, giunto alla quarta edizione.

Si tratta di testi che sicuramente rappresentano dei buoni esempi di connubio fra originalità delle storie raccontate e bellezza delle illustrazioni, visto che il premio è promosso da enti come l'Associazione Culturale Pediatri – ACP, l'Associazione Italiana Biblioteche - AIB e il Centro per la Salute del Bambino - ONLUS – CSB.

Buongiorno Postino (Babalibri, 2012) di Michael Escoffier (scrittore) e Matthieu Maudet (illustratore), è stato decretato miglior libro ler la sezione Nascere con i libri (18 - 36 mesi) “per la semplice, bonaria e indifferenziata gioia con cui è accolto un bebè, anche quando è sorprendentemente diverso da quanto ci si aspetta” (già ci piace).

Per la sezione invece dedicata ai più grandicelli (si fa per dire) ovvero dai 3 ai 6 anni il vincitore è l'autore e illustratore Marco Viale con La città dei Lupi Blù (Giralangolo EDT, 2012), che ci racconta come sia possibile che esista una ordinata e pacifica comunità di lupi (tanto blù da richiedere persino l'accento), che impara a conoscere (e convivere) con dei simili diversi, lupo "rrosso" e uno spericolato lupo "gialllo".

Invece per la sezione Crescere con i libri ci sono stati due vincitori ex aequo: John Fardell con Ti mangio! (Il Castoro, 2012), “per la scintillante inventiva che dimostra come chi ha coraggio sa tenere gli occhi ben aperti sulla realtà senza chiudere quelli della fantasia” e i francesi Pierre Bertrand (testi) e Magali Bonniol (illustrazioni) con Cornabicorna (Babalibri, 2012), “prescelto fra altri dieci titoli da una giuria composta da quasi quattromila bambini per l'accattivante umorismo e l'efficace rivisitazione di stilemi fiabeschi”.
A voi la scelta di quali far leggere ai vostri piccoli!

  • shares
  • Mail