La Tour de Babel, un punto di riferimento in tema di librerie italiane a Parigi

Ha aperto nell'ormai lontano 1984 ed ospita correntemente personaggi come Tabucchi, Consolo, Claudio Magris, Pontiggia, si tratta de "La Tour de Babel" libreria italiana istallata sulla Rive droite di Parigi, a due passi dalla Senna.

La Tour de Babel, esterno
Il bookstore situato nella folkloristica Rue du Roi de Sicile, è un'autentica mecca per i tanti cittadini italiani trasferiti nella capitale francese e gli ancor più numerosi stranieri amanti della lingua di Dante e appassionati della cultura del Belpaese.
E' proprio tra le sue mura che il secondo io del libro di Roberto Saporito incontra la sua Simone, perduto amore di gioventù mai dimenticato, ed è ancora li' che abbiamo deciso di recarci in un primo pomeriggio di un inizio aprile ancora piuttosto piovoso, proseguendo sulla linea delle peregrinazioni che ci hanno già portato alla scoperta di Ulysse sull'Île Saint-Louis, della storica Galignani e della leggendaria isola anglofona di Shakespeare & Co.
Vi si trovano novità editoriali di genere diverso, italiani ormai integrati nel tessuto parigino, ma desiderosi di conservare orgogliosamente le proprie origini e anche turisti interessati alle tante "cattedrali libresche straniere" della città.
Tra aneddoti e frasi iconiche, adocchiate nella mostra di disegni legati a citazioni di Pasolini, Antonio Porta, Leonardo Sciascia ed altre grandi voci della letteratura nostrana, riunite nello spazio della Petite Galerie annessa, e riscaldata dai colori di un'esposizione costruita sul duplice registro della parola e dell'immagine ad opera di Jacqueline Kiang, la nostra visita si è tinta dei bei colori dell'Italia e anche l'umido si è diradato per qualche decina di minuti.
Un piccolo paradisiaco isolotto, popolato da grandi classici come l'estetica crociana, sistemata in bella vista su uno degli scaffali in alto, e numerose novità editoriali, con qualche strano oggetto che richiama la navigazione, il bookstore parigino è un bell'angolo sottratto alla nostra penisola nel quale si parla indifferentemente la nostra lingua o quella di Molière, e l'Italia è l'invitata d'onore. Un luogo inserito nel flusso del tempo, ma sottratto alle opache banalità, per celebrare costantemente la ricchezza di una cultura affascinante come quella italiana.

Immagini Sara Rania da flickr.com
La Tour de Babel, angolo
La Tour de Babel, scaffali
La Tour de Babel, Petite Galerie
La Tour de Babel, mostra Jacqueline Kiang
La Tour de Babel, strumento marinaresco

Via | librairieitalienne.com

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 74 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO