Madame de Pompadour, ritratto di una lettrice famosa

La bella signora ritratta nella tela dal pittore François Boucher è Jeanne-Antoniette Poisson, meglio conosciuta con il nome di Madame de Pompadour, favorita del Re di Francia e di Navarra Luigi XV e allieva in disegno dello stesso virtuoso autore che ne ha immortalato le raffinate fattezze in momento di "attivo riposo". Custodito fisicamente presso l'Alte Pinakothek di Monaco di Baviera, il quadro è una delle immagini di lettrici del passato più conosciute in assoluto.


Riprodotta un po' ovunque, la bella silhouette della marchesa, prende qui la forma di una versione d'apparat semi-ufficiale, che simbolizza le passioni di uno dei personaggi femminili più potenti della sua epoca. Stretta nel bell'abito celeste dal corpetto e dai particolari rosa, Jeanne si abbandona alla riflessione tenendo con la mano il segno delle sue letture, lasciando intravedere il testo di un libro le cui pagine hanno l'aria piuttosto sfogliata, cosi' come i libri e gli spartiti di musica, poggiati qua e la in un disordine deliziosamente studiato e molto intellettuale.
Nel grande specchio alle sue spalle scorgiamo la delicata nuca e l'imponente biblioteca sovrastata da un prezioso orologio, a riprova del suo amore per i libri. Una passione che si affianca a quella della scrittura, testimoniata a sua volta dalla piuma d'oca che spunta ad arte dal cassetto leggermente aperto del tavolino, dalla cera rossa e dal sigillo che si trovano sul piano.
Ma cosa legge la dama languidamente adagiata sulla sua dormeuse? Probabilmente un testo di Voltaire, placido ascoltatore delle sue pene amorose, uno dei libri intessuti delle idee dell'illuminismo, un trattatelo di moda o una delicata e passionale raccolta di poesie, molto probabilmente non uno dei tomi dell'Encyclopédie, progetto che sostenne personalmente in veste di mecenate.
Lei che animava con il suo acume salotti letterarie e discussioni filosofiche, ha lasciato un generoso testamento che può essere letto dai curiosi on-line, e numerosissime rappresentazioni che la ritraggono di frequente con un libro o una partizione musicale in mano, oppure accanto ad un mappamondo, in una galleria di composizioni che non riesce ad eguagliare la magistrale sintesi di Boucher.

Nell'immagine Ritratto di Madame de Pompadour (1721-1764), Olio su tela, 1756, 212 × 164 cm (83.5 × 64.6 in) dal link commons.wikimedia.org. François Boucher [Public domain].

Via | femmesdeslumieres.over-blog.com

  • shares
  • Mail