Alice e il ciuccio, di Marta Monelli

Prima o poi a ognuno di noi è toccato fare i conti con un "giallo" simile a quello in cui si ritrova un bel mattino, appena sveglia, la piccola Alice. Ovvero: dove è finito il MIO ciuccio? Il migliore compagno dei miei giorni. Quello che non toglievamo – come fa lei, che pure è “quasi grande” – neanche per parlare con le bambole, ma solo quando l'aeroplanino ci portava la pappa da mangiare. Non possiamo che appassionarci al caso, leggendo Alice e il ciuccio, della brava Marta Monelli.

Ovvero non possiamo che condividere, in un primo momento, tutte le ipotesi più plausibili: che ci sia caduto sbadigliando (escluso), che lo usi il grillo amico di famiglia per fare i salti (si rimbalza meglio con un ausilio del genere, si sa) .
E forse non ci avevamo pensato, ma magari in effetti potrebbe essere servito al pesce rosso Siluro, per allenarsi al quotidiano giro di boa (ma lì proprio non c'è). E a un certo punto entrano in gioco anche i cagnolini gemelli Scavo e Scovo...

Insomma, l'indagine si fa lunga e delicata, tanto che si è fatta già l'ora di cena, e – ammettetelo - chi di voi se n'era accorto? Neanche Alice, in effetti. Anche se l'ipotesi che – giustamente – il nostro amico crescendo sia stato finalmente ammesso alla scuola dei ciucci, io non la escluderei del tutto...

La cosa mooolto carina del libro è che sulle alette, da ritagliare, ci sono tutti gli amichetti di Alice che, mentre leggiamo la storia, possiamo far giocare in mezzo alle pagine. E naturalmente c'è anche il ciuccio, che ci si può divertire a posizionare dove si vuole, sulla pagina illustrata.

Marta Monelli
Alice e il ciuccio
Zelig ed.
12.90 euro

  • shares
  • +1
  • Mail