Alfabeto poetico: B di Baci, Jacques Prevert

Tanti lettori e lettrici di Booksblog sono giovani e giovanissimi: ci seguono per le tante segnalazioni su Harry Potter, o su Breaking Dawn, ultimamente. A tutti loro è dedicata la poesia di oggi, che parla di baci ed è stata scritta da Jacques Prévert (Neuilly-sur-Seine, 4 febbraio 1900 – Omonville-la-Petite, 11 aprile 1977).

Un autore che, spero, venga ancora scritto sui diari delle adolescenti oggi come era spesso quando io avevo 14 anni. E perchè non solo le canzoni parlano d'amore, ve ne scrivo qualche verso, sperando vi venga la curiosità di comprare i libri di questo poeta, che sa interpretare i batticuore che prendono i giovanissimi quando si innamorano:

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore

(I ragazzi che si amano, in "Poesie scelte", Guanda)

Foto | Wikipedia commons

  • shares
  • +1
  • Mail