La poetessa Joumana Haddad si aggiudica il Premio Maria Grazia Cutuli












C’è un sottile confine tra prosa e poesia e capita di leggere testi in prosa che del componimento poetico abbiano il sapore. È un po’ quello che afferma la giornalista e scrittrice libanese Joumana Haddad, premiata con il Premio Maria Grazia Cutuli per la sezione stampa estera. Afferma Joumana Haddad:

Quando scrivo i miei articoli provo sempre a farlo con l'animo di poeta, sono innanzitutto poetessa. Sono cresciuta in un paese dove c'era la guerra, io sin da piccola ho vissuto con la violenza, con la morte intorno a me, quello che mi ha aiutato, ogni giorno, ad avere tutte quelle vite che mi erano negate nella realtà sono stati i libri.

Una sua celebre poesia ha per titolo Sono una donna e in essa scrive Joumana Haddad:

Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
cosa cerco quando lascio libere le mie mani.

Nessuno, nessuno sa
quando ho fame, quando parto
quando cammino e quando mi perdo,
e nessuno sa
che per me andare è ritornare
e ritornare è indietreggiare,
che la mia debolezza è una maschera
e la mia forza è una maschera,
e che quel che seguirà è una tempesta.
Credono di sapere
e io glielo lascio credere
e avvengo.

Hanno costruito per me una gabbiaaffinché la mia libertà
fosse una loro concessione
e ringraziassi e obbedissi.
Ma io sono libera prima e dopo di loro,
con loro e senza di loro
sono libera nella vittoria e nella sconfitta.

La mia prigione è la mia volontà!
La chiave della prigione è la loro lingua
ma la loro lingua si avvinghia intorno alle dita del mio desiderio
e il mio desiderio non riusciranno mai a domare.

Sono una donna.
Credono che la mia libertà sia loro proprietà
e io glielo lascio credere
e avvengo.

In Italia i libri di Joumana Haddad sono stati pubblicati da Mondadori, L'Asino d'Oro e dalle Edizioni del Leone.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO