Libri d'artista nella poesia di Chantal Aubin

Libri d\'artista di Chantal Aubin, Le fil rouge
L'universo dei libri è una continua fonte di meraviglia e di apprendimento palpitante, ma le suggestioni estetiche ed artistiche non mancano di certo. Tra gli spazi delle parole, nei meandri delle biblioteche, negli angoli delle librerie e dei caffé letterari, e spesso ancora più semplicemente nei tratti assorti di un ragazzo seduto di fronte in metropolitana, sopravvivono nella carta ed oltre, luoghi di libertà sottratti al consueto svolgersi degli eventi.
E' proprio in queste innumerevoli direttrici sensoriali che si aprono spazi ibridi, pronti ad accogliere mescolanze di varie arti. Ciò che accade nelle creazioni di Chantal Aubin, artista che si definisce in due parole: peintre et écrivain, pur essendo in realtà molto di più.
Libri d\'artista di Chantal Aubin, La Fontaine d’Hélène
Libri d\'artista di Chantal Aubin, L’ombre sur les joues
Libri d\'artista di Chantal Aubin, Le mouchoir de soie rose thé
Libri d\'artista di Chantal Aubin, Petits poissons blancs

Le sue avventure ai limiti della poesia, i suoi libri in cartoncino, con chiusure preziose, fili colorati ed intagli fantastici, sono intrisi di magia e si lasciano osservare fino al 24 novembre, in un'apposita mostra allestita presso la Bibliothèque Faidherbe di Parigi.

Chantal Aubin, dai multipli talenti, deborda di energia creativa. Pittrice, artista dell'incisione, scultrice, autrice di novelle, di pièce teatrali, di poesie, di album, di alfabeti e di libri-oggetto per adulti e bambini, dimostra di conoscere a perfezione l'arte di assemblare le immagini e le parole. Mescolando le tecniche grafiche, offre al nostro sguardo opere sottili ed eleganti.
Vivendo sulle rive della Loira, trae la sua ispirazione dai paesaggi, letterari e naturali, del Jardin de la France e sulle rive dell'oceano. La sua grande sensibilità ambientale si unisce nell'emozione all'estrema attenzione nei confronti delle cose e degli esseri che abitano il "Mondo fluttuante" dei poeti d'Oriente (Bashô, Busôn, Shiki…) dei quali illustra gli haiku.

Un universo dallo splendore dolce, permeato nella stessa misura di gravità e grazia impalpabile.

Via | bibliotheques.activites.paris.fr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO