Speciale editoria: l'Agenzia Il Segnalibro

L’Agenzia il SegnaLibro nasce nel 2005 dopo una attività svolta per quindici anni come agenzia di intermediazione editoriale.

Da questi 15 anni di duro lavoro, così come ci spiegano i responsabili della casa editrice tramite l’ufficio stampa, è nata quindi una nuova azienda editoriale full-service, il cui obiettivo principale è quello di preservare la qualità dei servizi, “affiancando e completando l'offerta con gli anelli mancanti della produzione editoriale”.

Una sfida a “rischio”, aggiungono, facilitata forse dalle esperienze passate.

L'offerta, come si può verificare sul sito, è varia: cinque collane, pochi titoli e un free magazine mensile ("Noi del diciannovesimo") di informazione attualità e cultura in distribuzione gratuita sul territorio romano.

Qual è il segreto della crescita di tante piccole o medie case editrici italiane, oggi?
“Pensiamo che il primo segreto per “crescere” sia quello di credere fermamente nel lavoro che viene svolto e non perdere mai di vista gli obbiettivi da raggiungere. Cerchiamo quindi di monitorare il mercato, essere presenti negli eventi che riteniamo giusti, e… non ultimo creare, nei limiti del possibile, dei prodotti nuovi”.

Ecco, ma come si distingue un “prodotto nuovo” rispetto al panorama editoriale esistente?
“Si distingue perché si parla di prodotti del genere “pochi ma buoni”, pensati e strutturati con cura per immettere sul mercato qualcosa che sia facilmente riconoscibile per stile, forma e contenuti. Un prodotto che lasci una traccia”.

Che caratteristiche deve avere un libro per poter entrare nel catalogo della vostra casa editrice?
Le caratteristiche dei nostri libri rispondono esattamente ai nomi delle collane che abbiamo scelto: libri per capire (saggistica di tipo divulgativo) libri da scrivere (interattivi), libri per apprendere (manualistica di approccio ai temi legati all’editoria e il cinema) libri da sfogliare (dove l’immagine prevale al testo), libri da raccontare (storie accomunate da un unico denominatore comune).

  • shares
  • Mail