L'ombra del vento, di Carlos Ruiz Zafón

Siamo a Barcellona, nel 1945. Gli echi delle guerre nella Spagna - ormai, ahimé, di Franco - e nel resto del mondo si stanno lentamente perdendo come cerchi in un lago, dopo il lancio di un macigno. Un ragazzo ha perduto la madre, come tanti, e si rifugia nella lettura confortante di un libro straordinario: 'L'ombra del vento', scritto da un certo Julian Carax.

Questo Carax ci sa fare; tanto che il giovane lettore è invogliato a cercare tutti i suoi libri. Ma presto gli tocca scoprire, con orrore sempre crescente, che qualcuno sta distruggendo sistematicamente ogni copia di ogni libro scritto da Carax.

Presto il ragazzo comprende che 'L'ombra del vento' costituisce un pericolo anche per lui che l'ha letto e non può più dimenticarlo. Ma per sbrogliare la matassa bisognerà svelare i misteri che avvolgono il suo autore.

Si dipana così questo thriller storico che sa impaurire ma anche divertire, ed è in fondo una storia di un amore tragico, narrata con grande impatto e capacità di costruzione dell'intreccio. 'L'ombra del vento', del trentanovenne scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafón, è un autentico labirinto narrativo, teso nella sua suspance come la corda di un violino. Il pubblico di tutto il mondo lo sta apprezzando molto, perché di sicuro fa parte del meglio della nostra odierna letteratura popolare europea.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: