Lettori forti e deboli: voi come siete?

Sono molto numerose le ricerche sul mercato editoriale promosse da istituti di statistica come Eurisko o Istat, o anche da singole case editrici, come la Mondadori. In generale si tende a identificare i lettori in tre grossi gruppi: lettori forti (6 o più libri negli ultimi 12 mesi), lettori medi (3-5 libri negli ultimi 12 mesi) e lettori deboli (1-2 libri negli ultimi 12 mesi); a questi si aggiunge la categoria dei non-lettori, purtroppo numerosa.

Il numero di individui che rientrano invece nella categoria di lettore sono solitamente identificati in più di 20 milioni, ma i lettori forti non raggiungono mai un terzo del totale e il loro profilo corrisponde a un cittadino del Nord Ovest, laureato, tra i 25 e i 44 anni, con reddito alto, e più spesso donna. I lettori medi (anch'essi intorno al terzo del totale) sono più grandi di età, ma sempre con reddito alto. Infine i lettori deboli (quasi la metà) sono solitamente giovani e giovanissimi con un reddito medio o medio-alto.

Questi (e ovviamente molti altri) i dati che emergono negli ultimi anni dalle ricerche svolte sulla popolazione italiana. Voi a quale categoria di lettori (basata sul numero di libri letti nell'arco dell'ultimo anno) appartenete? E vi riconoscete nel profilo standard sviluppato per le varie tipologie di lettore?


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO