Jonah Lehrer fabbrica citazioni di Bob Dylan

Scritto da: -

Jonah Lehrer @ C2-MTL © CHARLES WILLIAM PELLETIER
Quando si dice che il plagio e l’attribuzione impropria, anche “autoctone” e fantasiose, fanno più male che bene… Il trentunenne scrittore statunitense Jonah Lehrer, esperto di neuroscienze applicate al campo umanistico, autore di noti saggi come “Proust era un neuroscienziato” nonché nota voce del The New Yorker, l’ha letteralmente provato sulla propria pelle, visto che gli è recentemente costato il posto al prestigioso magazine e il suo status di promettente volto emergente del settore.

I fatti dei quali è accusato sono infatti sufficienti a ledere la sua immagine e quella degli editori coinvolti. Sembra infatti che Lehrer abbia ammesso di aver costruito alcune fantomatiche citazioni di Bob Dylan per il suo terzo testo “Imagine: How Creativity Works” e anche di aver mentito circa le fonti di queste citazioni. Dichiarazioni dall’effetto-valanga che hanno portato l’editore a richiamare le copie invendute, sospendere la vendita degli e-book e annullare molte delle prossime interviste. Un brutto affaire che ha suscitato parecchie polemiche e alcune riflessioni, come quella di Todd Gitlin, professore di giornalismo e sociologia della Columbia University, riportata dal “New York Times” :

E’ un ragazzo che parla di scienza in modo accattivante, che mostra i meccanismi in maniera trasparente e con lo spirito di chi è coinvolto personalmente…(bisogna ammettere) che nella nostra epoca un tipo dall’aspetto carino ed esitante ha più possibilità di farla franca degli altri.

Immagine da Flickr.com

Via | mediadecoder.blogs.nytimes.com

Vota l'articolo:
3.29 su 5.00 basato su 7 voti.