Alberto Rizzi, Poesie dell'uccidere in volo

Alberto Rizzi è stato, negli anni '90, uno degli animatori del Luther Blissett Project. Inoltre, ha pubblicato, nel corso degli anni, numerose plaquette, ultima delle quali "Poesie dell'uccidere in volo", uscita nel 2006 ed autoprodotta. La raccolta in questione è incentrata sulle gesta di un fittizio pilota della Prima Guerra Mondiale. Da un lato c'è la volontà dell'autore di omaggiare una sua grande passione, quella del volo appunto, dall'altro quella di porre al centro del suo discorso poetico l'attualità del soggetto "guerra", pur se, oggi, mascherata dal termine "missione di pace". Il risultato è originale, il linguaggio poetico è misurato, liricamente sostenuto, mai eccedente. Si alternano nella raccolta testi d'azione, il pilota in volo, e testi più intimisti, elucubrazioni sulla guerra che sono il fulcro delle "Lettere a casa". Qui sotto un breve assaggio per i lettori di Booksblog.

Ultima lettera a casa

Arrivo nel giorno e col treno che sapete

Non è dato di saperci invece
se il peggio sia ancora venuto
o se già ci attende innanzi

Ma per l'ieri e per l'oggi che consumo
questo ricordo s'è divenuto sfinge
e io feci il mio dovere fino al fondo

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: