La luce sugli oceani, di M. L. Stedman

Scritto da: -

“Il guardiano del faro deve scrivere il resoconto di ogni giorno. Compila il registro, riferisce ciò che è accaduto, dà prova che la vita continua. Con il tempo, man mano che i fantasmi cominciano a dileguarsi nell’aria pura di Janus, Tom osa di nuovo pensare alla vita che lo aspetta…”

È davvero affascinante legge le belle descrizioni di M.L. Stedman sulla quotidianità della vita in un’isola deserta di Isabel, come moglie del guardiano del faro Tom. I giorni in cui ti va di girare per l’isola solo con indosso un paio di pantaloni larghi di tuo marito e un camicione, ad esempio.

Oppure la sensazione di altezza dentro la cabina del guardiano del faro, il battezzare i tanti piccoli angoli di quel luogo deserto con un nome diverso, in onore della vostra vita a due. Le serate a guardare le stelle nel silenzio assoluto, senza timore di sconosciuti che vengano a interrompere i vostri sogni.

Detto ciò, e segnalata la bellezza dell’atmosfera che si respira in questo La luce sugli oceani – che è soprattutto una bellissima storia d’amore – possiamo solo dire, come suggerisce anche la presentazione, che si parla della forza incredibile che ha l’amore materno.

Amore forte come la morte, ovvero “ineluttabile” come la morte che ci strappa alla vita, come dice il Cantico dei cantici. Ma può il desiderio di un figlio essere mescolato all’egoismo di averlo solo per sé, a discapito di altre persone?

È questo il grandissimo dilemma che invade la mente di Tom quando, dopo due dolorosi e solitari aborti naturali, arriva dal mare, su una barca, una bellissima bambina a guarire il buio che aveva invaso gli occhi di sua moglie Isabel, dopo le due sfortunate gravidanze.

Isabel… sapeva che, se una moglie perdeva il marito, c’era una parola apposta per descrivere la sua nuova condizione: vedova… Allora aveva cercato nel dizionario, ma un genitore che perdeva un figlio provava un dolore senza nome.

La bambina infatti potrebbe essere tranquillamente scambiata, da tutti, per il figlio di sette mesi che Isabel aveva in grembo solo due settimane prima, e che in quel momento giace sotto una piccola croce di legno, sotto i sassi di Janus. Ma stare fuori dalla verità precipita entrambi su un sottile confine fra la luce degli occhi di perla della bimba, Lucy, e il buio angosciante della non-verità in cui hanno scelto di camminare.

Ma, per continuare il parallelo biblico, con il fuoco si prova l’oro, e l’amore non può esistere senza il desiderio del bene dell’altro, anche l’amore per un figlio, da cui non c’è modo di difendersi. E gli eventi metteranno duramente alla prova la scelta di Isabel e Tom sul destino di Lucy.

M. L. Stedman
La luce sugli oceani
Garzanti
17.60 euro

Vota l'articolo:
3.69 su 5.00 basato su 13 voti.