Poesia vomitata contro la Turbogas

Domenica 13 maggio 2007, ad Aprilia, in località Campo di Carne, presso il presidio permanente allestito dalla Rete dei cittadini contro la Turbogas, che protesta contro la costruzione di una pericolosa centrale termoelettrica a gas, nove poeti, a partire dalle 18.30, leggeranno le loro poesie dopo averle messe in bocca, insieme a dei liquidi, e vomitate, nel vero senso della parola.
Un atto di malessere, ma anche un atto simbolicamente aggressivo, concepito per esprimere la ferma disapprovazione nei confronti di una politica energetica altamente nociva per la salute, che non riguarda soltanto la città di Aprilia, ma l’intero Paese.
Tumori, leucemie, malattie polmonari: sono questi gli effetti provocati da una centrale di questo tipo, che emette ossidi di azoto, monossido di carbonio, polveri sottili e anidride solforosa, per un raggio di circa 30 chilometri.
La performance di poesia vomitata, ideata dal poeta Ugo Magnanti, vedrà la partecipazione di altri otto autori, che la interpreteranno in chiave personale: poeti in senso lato, come Antonio Rezza, famoso per il suo straordinario teatro; e poeti in senso stretto, come Bianca Madeccia, sospesa tra poesia e arte materica, Angelo Zabaglio, ‘slammer’ irriverente, Alessandro D’Agostini, fondatore del movimento “Giovani Poeti d'Azione”, la ‘cinica’ e ‘crudele’ Francesca Spessot, di Trieste; e poeti di confine, come Vitaldo Conte, importante teorico d’arte, e come i due giovani ‘poeti totali’ del collettivo Sparajurij di Torino.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO