Come cambia la Maturità 2019

Come cambia la Maturità 2019? Ecco le ultime novità, tra cui la scomparsa della tesina!

Maturità 2019

Esami di Maturità 2019, cosa cambia? Mancano molti mesi, ma già il Miur sta annunciando tanti piccoli e grandi cambiamenti che interesseranno i ragazzi maturandi che finiranno a giugno l'ultimo anno delle scuole superiori. Per poter "prendere" il diploma, però, dovranno ancora affrontare le prove scritte e gli orali della Maturità. Loro sono certamente i primi a essere curiosi riguardo tutti i cambiamenti in atto! E allora scopriamoli insieme!

Ammissione alla Maturità


Per essere ammessi alle prove scritte e agli orali bisognerà aver frequentato almeno i tre quarti del monte ore previsto nell'ultimo anno di studi, avere almeno la sufficienza in tutte le materie (anche se la commissione, motivando la scelta, può anche ammettere chi ha un'insufficienza) e avere anche la sufficienza per quella che un tempo veniva chiamata la condotta. Non sarà un requisito di ammissione la partecipazione alla prova nazionale Invalsi e le ore di alternanza scuola lavoro.

Prove scritte della Maturità 2019


Le prove scritte della Maturità 2019 non saranno più tre, ma saranno ridotte a due. Dite addio, dunque, alla terza prova scritta, perché rimarranno solamente la prima prova scritta, il classico tema di italiano con le sue tracce, e la seconda prova specifica per ogni indirizzo di studio. Per quello che riguarda il tema, a quanto pare la traccia storica non ci sarà più. Per quello che riguarda la correzione delle prove scritte, invece, saranno inserite le griglie nazionali.

Addio alla tesina di Maturità


Non ci sarà più la tesina di Maturità. Abolita la terza prova scritta dell'esame di stato.

Date Maturità 2019


Stabilite già le date della Maturità 2019. La prima prova scritta sarà il prossimo 19 giugno, mentre la seconda prova scritta è in programma il 20 giugno.

Punteggio finale di Maturità 2019


Il punteggio finale sarà sempre espresso in centesimi, ma il percorso di studi avrà un peso maggiore. Alla commissione spettano fino a 60 punti, massimo 20 per ogni prova scritta e il colloquio. Il punteggio minimo per superare l'esame è di 60 punti. Cambiano anche le regole per quello che riguarda i crediti accumulabili nell'ultimo triennio di studi. Si passa da 25 a 40.

Foto iStock

  • shares
  • +1
  • Mail