Maturità 2018, la prima prova

Tutti pronti per l'esame di Maturità 2018? Ecco le date della prima prova, come si svolgerà l'esame e le probabili tracce del tema.

Esame di maturità, maturandi alle prese col tema

Maturità 2018 - Inesorabilmente come il sorgere del sole, torna l'esame di Maturità. Parlarne suscita sempre drammatici ricordi del proprio esame, ma magari in questo modo riusciamo ad aiutare chi si accinge ad affrontarlo. Come sempre la prima prova scritta è quello che una volta era chiamato più semplicemente "tema". E' la prova in cui i maturando hanno maggior libertà, in quanto possono scegliere la traccia preferita. Ma vediamo date, tracce, svolgimento della prova e tototema: quali tracce usciranno quest'anno?

Maturità 2018: le date della prima prova

Quest'anno l'esame di Maturità 2018 si terrà a partire dal 20 giugno. Il MIUR ha stabilito le seguenti date:

  • Maturità 2018, data della prima prova: mercoledì 20 giugno
  • Maturità 2018, data della seconda prova: giovedì 21 giugno
  • Maturità 2018, data della terza prova: lunedì 25 giugno
  • Maturità 2018, data degli orali: ciascuna scuola stabilisce il proprio calendario

Come si svolge la prima prova dell'esame di maturità 2018?

Come sempre, l'esame di Maturità inizia con il tema, la temuta prima prova scritta. Il MIUR ha stabilito che gli studenti possono scegliere fra quattro tipi di tracce:

  1. Tipologia A: analisi del testo
  2. Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale
  3. Tipologia C: tema storico
  4. Tipologia D: tema di attualità

La prima prova dell'esame di Maturità 2018 comincerà mercoledì 20 giugno alle ore 8.30. I professori faranno l'appello e poi apriranno i plichi sigillati provenienti dal MIUR. Una volta distribuite le tracce, gli studenti dovranno scegliere una delle diverse tipologie di tema e avranno sei ore di tempo per finire.

Nel caso riusciste a scrivere il vostro tema in meno tempo, potrete sempre consegnarlo prima e uscire a patto che siano passate almeno tre ore. Prima delle tre ore, infatti, anche se avete finito il tema, non vi sarà permesso di uscire.

Maturità 2018: spiegazione delle tracce del tema

Ovviamente le tracce dell'esame di Maturità verranno rese note solamente la mattina della prima prova, all'apertura dei plichi (questo nonostante il tototema sia già iniziato da tempo: da settimane e mesi si rincorrono voci su questa o quella traccia). Tuttavia possiamo dare uno sguardo alle diverse tipologie di tracce, per capire a cosa vi troverete dinanzi.

Tipologia A: analisi del testo

Vi verrà proposto una poesia o un testo di prosa, sempre tratto dalle opere di un autore italiano. Lo studente dovrà rispettare tre richieste:

  1. comprensione: si tratta di riassumere lo scritto della traccia
  2. analisi: ci saranno delle domande a cui rispondere, inerenti stile, forma e narrativa del brano
  3. interpretazione: qui bisognerà scrivere un commento riferito al tema del brano, magari confrontandolo anche con altri autori che hanno scritto testi sul medesimo soggetto

Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale

Qui la scelta si amplia a quattro settori:

  1. artistico-letterario
  2. storico-politico
  3. tecnico-scientifico
  4. socio-economico

Ognuno di questi argomenti, propone un soggetto cardine e sarà accompagnato da documenti sotto forma di articoli, studi, ricerche, poesie, foto: queste sono le fonti da cui partire per scrivere questa tipologia di tema.

Una volta scelto l'argomento in cui vorrete cimentarvi, dovrete scegliere se scrivere un saggio breve o un articolo di giornale. Qualsiasi forma scegliate, l'elaborato deve avere un titolo e può essere al lungo al massimo cinque colonne di metà del foglio protocollo. Nel caso dell'articolo di giornale, poi, bisognerà anche specificare su quale tipo di giornale tale articolo possa essere pubblicato. Per il saggio, invece, bisognerà formulare una tesi che dovrà essere corroborata dal materiale datovi dal MIUR e dalle vostre conoscenze.

Tipologia C: tema storico

Questa traccia sarà basata su uno degli argomenti trattati nell'ultimo anno delle superiori. Solitamente il MIUR allega alla traccia documenti che contestualizzino meglio il periodo storico o testimonianze degli autori dell'epoca.

Tipologia D: tema di attualità

Questa è la traccia più generalista in quanto offre come spunto argomenti di attualità, focalizzandosi su problematiche discusse maggiormente nel corso degli ultimi anni.

Tototema alla maturità 2018

Praticamente da quando vengono annunciate le date della prima prova dell'esame di Maturità, su internet si scatena il tototema: tutti scommettono sulle tracce più papabili che potrebbero uscire. A volte ci sono nomi storici, quelli che tutti nominano ad ogni singola Maturità, ma che, poi, puntualmente non escono. Per esempio: ogni anno per l'analisi del testo tutti propongono Montale, Ungaretti e poi chi ti esce l'anno scorso? Caproni, semisconosciuto.

Comunque sia, quest'anno le tracce più gettonate del tototema 2018 sono:

Tipologia A: analisi del testo

  • Leopardi
  • Foscolo
  • Ungaretti
  • D'Annunzio
  • Moravia
  • Stern
  • Quasimodo
  • Dante Alighieri
  • Manzoni

Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale

  • Ius Soli
  • Brexit
  • Cesare Pavese
  • Biotestamento
  • Cyberbullismo
  • Guerra in Siria
  • Israele

Tipologia C: tema storico

  • Rivoluzione russa
  • Fascismo e leggi razziali
  • Nazismo
  • Costituzione della Repubblica italiana
  • Aldo Moro e Brigate Rosse
  • Nelson Mandela
  • Sbarco sulla Luna

Tipologia D: tema di attualità

  • Biotestamento e eutanasia
  • Brexit
  • Bullismo e cyberbullismo
  • Isis e terrorismo
  • Ius Soli
  • Guerra in Siria
  • Immigrazione
  • Donald Trump
  • Kim Jong Un
  • Terremoti
  • Mafia e le stragi di Falcone e Borsellino

Consigli per sopravvivere al tema (e alla maturità)

Essendo che orde di maturandi sono sopravvissuti alla Maturità, state pur tranquilli che anche voi potrete superare questa ordalia. Tuttavia ci sono alcuni consigli che potrebbero tornarvi utili:

  • indossate indumenti comodi e con cui vi trovate a vostro agio
  • scegliete la traccia a voi più congeniale, quella di cui avete maggiori conoscenze e nella quale vi destreggiate meglio. Se amate la letteratura e siete particolarmente ferrati sull'autore proposto, se amate la critica allora la tipologia A è quella che fa per voi. Se vi piace mettervi in discussione e elaborare tesi personali, allora la tipologia B è quela da scegliere. I patiti della storia dovranno scegliere la tipologia C (sperando che col programma siate arrivati al contenuto della traccia storica), mentre chi è ferrato sull'attualità dovrebbe scegliere la tipologia D. Ma attenzione: il tema di attualità è solo apparentemente più facile, se non conoscete a fondo l'argomento della traccia, rischiate di fare un buco nell'acqua
  • leggete attentamente tutte le tracce prima di buttarvi a capofitto a scrivere
  • fatevi una scaletta da seguire per sviluppare al meglio la traccia senza dimenticare nessun argomento
  • controllate e ricontrollate più volte per scovare eventuali errori grammaticali, ortografici o di punteggiatura

Foto | iStock

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO