“Parole Rubate”, la graphic novel su un'opera di Leopardi

Si intitola “Parole Rubate” la nuova graphic novel firmata Cuore Noir Edizioni ispirata ad una storia vera in cui Giacomo Leopardi è l’anonimo protagonista.

Di cosa parla? In pratica del ritrovamento di un libro del 1600 da parte della professoressa Vittoria Ribezzi, che riconosce in esso una fonte sconosciuta del "pessimismo cosmico" leopardiano e lo porta a conoscenza di tutti. Una conoscenza che si espande ora anche al pubblico degli amanti del fumetto, creato da Pietro Favorito, con i disegni di  Beniamino Delvecchio.

La trama di Parole Rubate spazia dal giallo all’horror, dalla fantascienza alla storia, e con una tale dovizia di particolari che a rimanerne colpiti non saranno soltanto gli appassionati di fumetti. Una seduta spirita a sfondo sessuale che finisce in carneficina, uno studente di lettere antiche che assiste in sogno a degli omicidi, l’ombra di Giacomo Leopardi che cala pesante sopra ogni morte e la scoperta dell’esistenza di uno sconosciuto scrittore brindisino del XVII secolo, sono gli ingredienti principali di questa graphic novel. Al lettore, dunque, resta il compito di scoprire cosa accomuna questi eventi.

Il protagonista della storia è Dorian Ferri, , uno psicologo e speaker radiofonico di RAI Radio 1 che ha le sembianze di Alessio Boni. Importantissima inoltre la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta e Claudio Bisio che, come in un casting di tipo cinematografico, anche loro hanno acconsentito di dare le proprie fattezze agli altri due personaggi principali del fumetto.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 12 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO