Libri da leggere nell’estate 2017: “Nella mente di Putin” a cura di John Ackwood

nella-mente-di-putin.jpg

Perché i russi hanno dirottato le elezioni americane e stanno hackerando le istituzioni dei principali paesi occidentali? La responsabilità, secondo Vladimir Putin, è dei vincitori della Guerra fredda che non hanno voluto ricostruire un sistema condiviso di relazioni internazionali, ma si sono affidati all’unilateralismo e all’espansionismo, umiliando la Russia, una grande potenza nucleare.

Giulio Sapelli, in un saggio non convenzionale contenuto nel libro Nella mente di Putin curato da John Ackwood, mostra che le ragioni del putinismo affondano le radici nella storia della Russia, un continente di enormi dimensioni con una indicibile diversità di culture, lingue, religioni e identità. Un aspetto sottovalutato nell’attività diplomatica e politica internazionale.

Tre esperti di Cyberwar geostrategica sostengono che Putin non ha fatto altro che trasferire nel ciberspazio, uno spazio spaventoso e fragile, le tattiche e i metodi di azione del KGB con risultati molto più efficaci di quelli ottenuti dall’antica rete di agenti, informatori e quinte colonne dell’Unione Sovietica.

Riuscirà Putin nel suo intento destabilizzante? Riusciranno gli occidentali a capire finalmente la questione russa e la sua eccezionalità? A queste e altre domande cerca di rispondere il saggio Nella mente di Putin appena uscito per goWare.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO