Chi è Paolo Cognetti

Cinque libri per conoscere il vincitore del Premio Strega 2017

Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega 2017, si è affacciato precocemente alla letteratura, iniziando a scrivere all’età di diciott’anni. Nato a Milano nel 1978, dopo essersi diplomato alla Civica Scuola di Cinema di Milano si è dedicato alla produzione di documentari a carattere sociale, politico e letterario insieme all’amico Giorgio Carella con il quale ha fondato la casa di produzione Cameracar.

L’anno della svolta è il 2004, quando con la pubblicazione all’interno della raccolta La qualità dell’aria e della sua prima raccolta di racconti Manuale per ragazze di successo, Cognetti entra nella “scuderia” di Minimum Fax.

Vera fucina di talenti, la Minimum Fax è aperta alla forma del racconto ed è sulla forma breve che Cognetti matura come scrittore, con due prove magistrali: Una cosa piccola che sta per esplodere (2007) e Sofia si veste sempre di nero (2012) che ottengono numerosi riconoscimenti letterari.

Le otto montagne, uscito per Einaudi nell’autunno 2016, è il suo primo romanzo e ottiene immediatamente ottimi consensi sia da parte della critica che da parte del pubblico. Il romanzo viene venduto in 30 paesi ancor prima della pubblicazione e sia aggiudica sia il Premio Strega Giovani che il Premio Strega maggiore.

Per quanto riguarda la saggistica ricordiamo New York è una finestra senza tende (2010) pubblicato da Laterza, Il ragazzo selvatico. Quaderno di montagna (2013) per Terre di Mezzo, Tutte le mie preghiere guardano verso Ovest (2014) edito da Edt e A pesca nelle pozze più profonde. Meditazioni sull'arte di scrivere racconti (2014) pubblicato con Minimum Fax.

Foto Ufficio Stampa Premio Strega © Musacchio / Ianniello / Pasqualini

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO