Maturità 2017: gli orali

maturità 2015 scienze umane

Messe alle spalle le prove scritte, la maturità arriva all’atto conclusivo, con la prova orale si chiude il ciclo quinquennale della scuola superiore. Le date sono diverse da studente a studente, ma il primo giorno utile per le interrogazioni è venerdì 30 giugno. Gli orali si protrarranno fino a metà luglio e, poi, non resterà che attendere l’esito finale.

La prova orale dura fra i 35 e i 40 minuti, il tempo a disposizione della commissione esaminatrice formata dai commissari interni (i professori che ne hanno accompagnato l’ultimo anno di studi) e dai commissari esterni (provenienti da altre scuole) per valutare la preparazione del maturando.

Le fasi della prova orale sono tre:
1) Esposizione della tesina: nei primi 10-15 minuti l’orale è incentrato sulla tesina multidisciplinare. In questa prima fase lo studente ha la possibilità di cominciare con il piede giusto venendo interrogato su argomenti sui quali si è preparato in maniera specifica.
2) Domande libere: i commissari interni ed esterni interrogano il maturando sulla materia che è stata assegnata loro dal Ministero.
3) Correzione degli scritti: al termine della prova orale il maturando corregge insieme ai professori le tre prove scritte. È quindi opportuno prepararsi a correggere gli errori degli scritti in modo da poter compensare con un buon epilogo dell’orale gli sbagli fatti nelle prime tre prove di maturità. Qui potete trovare lo svolgimento delle tracce del tema e le soluzioni della seconda prova scritta.

In alcune scuole italiane è attiva una quarta fase nella quale viene verificata la conoscenza di una disciplina non linguistica veicolata in lingua straniera.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO