“Non guardare la palla”, Ruud Gullit

A lezione di calcio dall’asso olandese che fece grande il Milan di Sacchi

Non guardare la palla. Che cos'è (davvero) il calcio di Ruud Gullit, in libreria per Piemme, riporta in primo piano uno dei tre tenori olandesi del Milan sacchiano, quello che a cavallo degli anni Ottanta e Novanta dettò legge in Italia e nel mondo. Ma Gullit fu anche uno degli artefici di quello che resta l’unico successo internazionale della nazionale dei Paesi Bassi.

Dalle decisioni tattiche alle formazioni, dalle caratteristiche dei singoli giocatori ai momenti chiave, Gullit (che da allenatore ha guidato Chelsea, Feyenoord e Los Angeles Galaxy) rivela ogni segreto del gioco più amato dagli italiani.

gullit-non-guardare-la-palla.jpg Perché un solo attaccante è meglio di tre? Perché un buon difensore non ha bisogno di fare tackle? Qual è il segreto del Tiki Taka? Non guardare la palla, insomma è una vera e propria accademia calcistica di Ruud Gullit, dove si impara tutto quel che c'è da sapere su come si guarda una partita.

Dalla sua prospettiva privilegiata di calciatore, allenatore e grande campione, una delle leggende del calcio spiega tutto quello che bisogna tenere d'occhio nei fatidici 90 minuti. Dalle decisioni tattiche alle formazioni, dalle caratteristiche dei singoli giocatori ai momenti chiave, Gullit rivela ogni segreto dello sport più amato e seguito al mondo.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO