Pisa Book Festival 2016: un weekend in mezzo ai libri

Centoquaranta editori presenti, incontri, presentazioni e laboratori nella tre giorni pisana dedicata all’editoria indipendente

Centoquaranta gli editori che hanno risposto all’appello del Pisa Book Festival, la fiera che si è svolta all’ombra della Torre Pendente da venerdì 11 a domenica 13 novembre. Tanti gli incontri che hanno movimentato il Palazzo dei Congressi di Pisa, da quello con Mauro Corona a quello con Marco Malvaldi, da quelli con Catherine Dunne – madrina di una manifestazione dedicata all’Irlanda – a quello con Sumia Sukkar giovanissima scrittrice britannica che ha raccontato il dramma di Aleppo.

Noi di Booksblog siamo andati a curiosare fra gli stand e la fiera pisana è stata l’occasione per conoscere tante case editrici indipendenti che puntano su una forte identità di catalogo.

Oltre a Stampa Alternativa, Sur, Scritturapura e Del Vecchio Editore dei quali Booksblog ha già recensito alcune delle ultime uscite, a Pisa abbiamo incontrato alcuni editori indipendenti che propongono interessanti sguardi sul mondo e che decidono di coprire alcune nicchie di mercato. È il caso di Racconti edizioni, una casa editrice che propone esclusivamente storie brevi e che, nonostante un catalogo ancora giovane, e già riuscita a distinguersi per alcuni “colpi” decisamente importanti come la pubblicazione delle short stories di Virginia Wolf. Ve ne parleremo in maniera più approfondita prossimamente.

In fiera c’era anche chi giocava in casa come Istos Edizioni, casa editrice pisana che propone Clochard di Luca Poli, giovane autore che racconta la storia di Domenico Baroni, un avvocato che scivola nella povertà e finisce sulla strada, senza più un tetto. In catalogo anche i libri di Franco Gigliotti, giallista seriale che racconta le indagini del carabiniere in pensione Lorenzo Lupi.

Altro editore toscano è Edizioni Clichy che, appena in tempo per la fiera pisana, ha fatto uscire un volume della collana Sorbonne sull’ultimo premio Nobel per la letteratura: Bob Dylan. Bolwin’ in the wind a cura di Dario Salvatori.

Un quarto di secolo di vita alle spalle, Robin Edizioni ha presentato a Pisa il romanzo partigiano Farà nebbia, scritto da Stefano Paolo Giussani e ambientato a Milano durante la Seconda Guerra Mondiale.

Molto interessante anche la proposta editoriale di Gran Vía, editore umbro che concentra la propria attenzione sulla letteratura ispanofona. Al Pisa Book Festival ha portato L’illusione monarca dell’argentino Marcelo Cohen, un romanzo breve che parla di reclusione, di incertezza e di paura.

Uno degli incontri più affollati della domenica è stato quello nel quale la ventiquattrenne britannica Sumia Sukkar ha presentato Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra, storia delle sofferenze di una famiglia siriana nel mezzo della guerra civile pubblicata da Il Sirente. Fra le novità della casa editrice aquilana anche Quando studiavamo in America di Beppi Chiuppani, uno dei primi testi letterari pubblicati in Italia sull’esperienza di un “cervello in fuga” negli Stati Uniti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail