L’imperfetta meraviglia, Andrea De Carlo

Sono passati trentacinque anni da Treno di panna, il romanzo a forti tinte autobiografiche che lanciò Andrea De Carlo nella top ten dei bestseller e nel salotto buono della letteratura italiana. In tre decenni e mezzo lo zoccolo duro dei fan dello scrittore milanese non ha smobilitato e torna puntuale a leggerlo a ogni uscita in libreria.

Succede anche adesso, con L’imperfetta meraviglia, romanzo che si svolge in un autunno provenzale, nell’attesa del concerto dei Bebonkers che è un po’ evento umanitario, un po’ celebrazione pubblica del terzo matrimonio di Nick Cruickshank. La futura moglie di Nick, Aileen, è impegnata full time per far sì che tutto vada per il meglio.

03-decarlo.jpg Nel paese provenzale dove si svolgerà il concerto c’è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che crea gelati con il piglio dell’artista.

È proprio il gelato l’imperfetta meraviglia, quella creazione effimera destinata a essere presto consumata o a liquefarsi.

Le strade della rockstar e della gelataia si incrociano e, nel breve volgere di tre giorni, quest’incontro riscrive destini che sembravano già scritti.

Pubblicato da Giunti, L’imperfetta meraviglia è un romanzo che “alterna il ritmo del rock, la leggerezza della commedia brillante, e la profondità del tempo che tutto cambia e modifica”.

Via | Giunti

  • shares
  • +1
  • Mail