"Quello che non sai di me", di Meg Wolitzer

Il debutto nella letteratura young adult dell’autrice di "Quando tutto era possibile"

tumblr_oe7kjipuft1v7sya7o1_1280.jpg

Si intitola “Quello che non sai di me” il romanzo d’esordio di Meg Wolitzer nel genere young adult. Un romanzo omaggio dichiarato all’opera di Silvia Plath, scrittrice e poetessa statunitense degli anni Cinquanta, autrice de “La campana di vetro”, storia di una brillante studentessa affetta da psicosi durante il tirocinio in una rivista di moda newyorkese.

Vincitore di numerosi premi, tra cui Entertainment Weekly's Best YA Book 2014 e il Bookpage Best Children's Book 2014 , “Quello che non sai di me” è stato già venduto e tradotto in 12 paesi e a breve diventerà anche un film (la casa di produzione Beachside Films ne ha acquistato i diritti, la stessa che ha prodotto “Little Miss Sunshine” e “Ogni cosa è illuminata”).

tumblr_oe7kjipuft1v7sya7o1_1280.jpg

E’ la storia corale ambientata in uno speciale college per ragazzi che hanno subito dei traumi che, attraverso un corso di letteratura e scrittura che ruota attorno proprio a “La campana di vetro” di Silvia Plath, trovano l’accesso a un mondo solo apparentemente idilliaco.
Protagnoista è Jam, una ragazza di sedici anni distrutta dalla scomparsa del suo fidanzato; mandata dai genitori alla Wooden Barn School, Jam troverà l’amore per la vita attraverso il misterioso e ambitissimo Corso Speciale d'Inglese della signora Quenell.

Attraverso un’avvincente esplorazione della psiche umana, Meg Wolitzer racconta che cosa significa perdere qualcuno, o qualcosa, che ami. E poi perderlo un’altra volta. Un libro apprezzato dalla critica americana, che premia il debutto nel mondo young adult della Wolitzer.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 23 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO