La libreria di Bologna che regala i libri

Libri Liberi è una piccola libreria dove si i testi si prendono in dono

libriliberi.jpg

Come si può far circolare la cultura, rendendola fruibile a tutti e quindi provando a salvare la società dal baratro culturale in cui lentamente si sta avviando? Semplice (insomma): basta regalare i libri.

E’ la mission di Libri Liberi, piccola libreria di Bologna dove è vietato pagare per acquistare un libro. Che sia un saggio o un romanzo poco importa, quello che importa è farne buon uso.
In questo piccolo spazio nel centro storico della città i testi si prendono in dono: si entra, si scelgono massimo 3 volumi e si saluta. Il timore di non essere più forniti Libri Liberi – fondata da Anna Hilbe, membro storico della Libreria delle donne di Bologna – non ce l’ha perché c’è sempre qualcuno che vuole liberarsi dei suoi libri, vuoi per un trasloco, vuoi per un doppione, vuoi per scelta di qualcuno che ha deciso spontaneamente di donare ciò che ha già letto a qualcun altro. Morale della favola, nella libreria girano intorno ai 2 mila volumi, importante è regolamentarne l’uscita.

L’idea bella e originale arriva da altri esempi di librerie con la stessa filosofia: una a Madrid, l’altra a Baltimora, nel Maryland, tutte con la stessa filosofia, quella cioè di far circolare la bella letteratura.
All’interno puoi trovarc di tutto, soprattutto vecchi testi, a volte anche preziosi e costosi, opere di nicchia e libri poco conosciuti. Un modo intelligente per far sì che tutti possano accedere ai libri, perché la cultura ritorni ad essere un diritto e non solo un fenomeno di  marketing legato a strane logiche di mercato.

Credits | Instagram

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 16 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO