"Caffè amaro", di Simonetta Agnello Hornby

Edito da Feltrinelli, il sensuale romanzo della scrittrice de "La Mennulara"

9788807031830_quarta.jpg

L’amore, quando si è certi che è quello giusto, non ha età e non si ferma davanti a nulla. Questo trapela dalle pagine di “Caffè amaro”, ultimo, sensuale romanzo scritto da Simonetta Agnello Hornby.

Protagonista è Maria, un’affascinante quanto ammaliante quindicenne, una ragazza fuori dagli schemi la cui bellezza fa colpo su tutti. Su Pietro Sala, che la chiede in sposa, e su quello che lei ha sempre considerato suo “fratello maggiore” Giosuè. Maggiore perché Giosuè ha 34 anni e ama il lusso, il gioco d’azzardo e le belle donne.
Se con il primo il matrimonio sembra non riuscire a trovarlo, dall’altra parte Maria scopre l’amore e la felicità fuori dalle mura domestiche. Ma è qualcosa di più: “Maria scopre un senso più ampio dell'esistenza, una libertà di vivere che coincide con una profonda percezione del diritto al piacere e a piacere. Attraverso l'eros, a cui Pietro la inizia con sapida naturalezza, arriva per lei la conoscenza di sé e dei propri desideri, nonché l'apertura al bello e a un personalissimo sentimento della giustizia”.

Giangiacomo Feltrinelli Editore Ufficio stampa

Sullo sfondo, il periodo del colonialismo in Africa; Tripoli e la Sicilia sono le  location di questo amore clandestino che durerà anni, tra incontri, separazioni, in attesa di una nuova pace.

Una “Lolita” siciliana, in cui amore, eros, storia e politica – si parla di fascismo e socialismo – sono la colonna portante della crescita di una giovane donna che non vuole rinunciare alla sua felicità, tra passioni e sofferenze mandate giù come tazze di caffè amaro.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO