"Beethoven e la ragazza coi capelli blu", di Matthieu Mantanus

Un dialogo tra affinità e divergenze nel mondo della musica classica

1045058_559658504193826_1656315680182876031_n.jpg

Possono la musica classica e la musica rock vivere armoniosamente, convivere e dialogare tra loro, mettendo in mostra le affinità dell’una e dell’altra? Insomma, in parole povere, possiamo smetterla di stereotipare ed etichettare i diversi generi considerando la Musica come unico genere della nostra natura umana, in grado di emozionarci al suo ascolto?

Matthieu Mantanus, pianista e direttore d’orchestra, ci prova nel suo romanzo intitolato “Beethoven e la ragazza coi capelli blu”. Edito da Mondadori, il romanzo è un dialogo tra due mondi  o due modi  di vedere - o meglio ascoltare - la musica e i suoi generi, durante un'insolita location: lo studio di registrazione di una rockstar intenta a produrre il suo nuovo album rock. E' qui che si incontrano due mondi, così diametralmente opposti ma in realtà così vicini, per non dire identici, impersonificati da due musicisti - uno rock l'altra "ibrida" - che fanno molto di più che registrare un album: viaggiano nella storia della musica.

Con questo romanzo  Mantanus prova a decontestualizzare la musica classica per ricollocarla in un nuovo, insolito contesto. In questo modo prova a dare un nuovo colore a questo genere – il blu dei capelli di Anna, bassista del gruppo rock e contemporaneamente contrabbassista della Philarmonia Orchestra di Londra -  e scoprire le numerosissime affinità con la musica di oggi. Uscire dallo stereotipo che la musica classica la possono capire in pochi, che è noiosa, snob, lenta ma al contrario che riflette la complessità dell'epoca in cui è stata composta, che è stata ed è ancora oggi veicolo e cassa di risonanza di emozioni dei suoi compositori. Che la trasgressione non appartiene solo ai giorni nostri ma che anche Beethoven, Strauss, Debussy hanno stravolto, provocato, rivoluzionato. Che l’etichetta che si dà ad ogni genere lascia il tempo che trova perché tutta la musica dialoga con se stessa modificandosi all'infinito.

12800222_555872981239045_9185895674439252180_n.jpg

Credits | Facebook

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 24 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO