Non avrete il mio odio, Antoine Leiris

Non avrete il mio odio è il titolo della lettera che il giornalista indirizzò ai terroristi dopo la morte della moglie Hélène, uccisa nella strage del Bataclan. Ora questa lettera è diventata un libro pubblicato in Italia dal Corbaccio, un libro che Leiris presenterà domenica 15 maggio alle ore 13.30 al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Su quelli che sono i suoi sentimenti a cinque mesi dalla strage, Leiris è molto chiaro:

“Quanto al titolo della lettera su Facebook e del libro, mi trovo nelle stesse condizioni di spirito di allora: non voglio dare ai terroristi la soddisfazione di trasformare me e mio figlio. Non voglio cedere all’odio. Le nostre vite sono e restano piene dell’amore per Hélène, che non è più con noi”.

non-avrete-il-mio-odio.jpg Nella sua lettera Leiris era stato chiaro: tutte le sue energie sarebbero state per proteggere il figlio e non disperse nell’odio per gli assassini di sua moglie: “Le armi, le pallottole, la violenza, non sono che lo sfondo della scena: quel che importa è l’assenza”.

Dopo la morte della moglie, avvenuta il 16 novembre 2015, Leiris ha iniziato a scrivere come terapia, nel suo libro c’è l’elaborazione del lutto, quello che è accaduto dopo le sue parole e il desiderio di tutelare suo figlio, il piccolo Melvil dall’odio. Un racconto privato nel quale non c’è spazio per la dimensione politico, ma solo per tutto ciò che riguarda il futuro di un uomo che ha perso sua moglie e di un bimbo che ha perso sua madre.

Via | Corriere

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 15 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO