"Informarsi con lentezza: Sette lezioni di buon giornalismo contro l'infobesity", l'ebook sulla rivoluzione slow

Come riscoprire l'informazione ragionata: la visione, le opinioni e le proposte di sette personalità del giornalismo internazionale

informarsi.jpg

La lentezza, in un'era in cui tutto si macina e si fagocita alla velocità della luce, soprattutto nel campo dell'informazione, è la nuova trasgressione necessaria per riuscire a salvare la qualità.

Informant, editore nativo digitale specializzato in reportage giornalistici, giornalismo narrativo e saggi sul mondo dell'informazione, e Slow News, associazione di professionisti dell'informazione che puntano a riscoprire il buon giornalismo attraverso le buone pratiche e la cura di contenuti approfonditi, hanno da poco pubblicato l'ebook "Informarsi con lentezza: Sette lezioni di buon giornalismo contro l'infobesity".

Sette personalità del giornalismo internazionale invitano e spiegano come allontanarsi dal delirio delle breaking news per riscoprire l'importanza dell'informazione ragionata: da Gay Talese e la sua tecnica di 'fare un giro' insieme agli intervistati alla lotta di Peter Laufer contro le junk news, dal modello lanciato in Italia da Giovanni De Mauro fino agli esperimenti francesi e scandinavi di Nicolas Prouillac e Johanna Vehkoo.

"Informarsi con lentezza: Sette lezioni di buon giornalismo contro l'infobesity" lo trovate negli store online in formato Kindle (e costa 1,49€). Il ricavato della vendita sarà devoluto a Ossigeno per l'Informazione, l'associazione che assiste giornalisti e cronisti minacciati durante lo svolgimento del loro mestiere.

511rbtoazrl.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 17 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO