Shakespeare e Cervantes uniti da Don Chisciotte

A street artist dressed with a costume of Don Quixote (Don Quichotte) performs in Malaga on June 17, 2013.    AFP PHOTO/ JORGE GUERRERO        (Photo credit should read Jorge Guerrero/AFP/Getty Images)

La coincidenza è davvero straordinaria e i prossimi 22 e 23 aprile il ricordo si rinnoverà per la quattrocentesima volta.

William Shakespeare e Miguel de Cervantes, rispettivamente il più grande scrittore di lingua inglese della storia e il più grande scrittore di lingua spagnola della storia, morirono a un giorno di distanza: il 22 aprile 1616 toccò all’autore di Don Chisciotte e il 23 aprile 1616 toccò al Bardo di Stratford-upon-Avon. Secondo alcuni studiosi, però, il legame fra i due non si limiterebbe al fatto di essere deceduti a poche ore di distanza l’uno dall’altro.

Shakespeare, infatti, avrebbe conosciuto l’opera dello scrittore spagnolo, mentre Cervantes non avrebbe avuto modo di conoscere i drammi del Bardo giunti nell’Europa Continentale soltanto nel XVIII secolo.

Il Don Chisciotte fu tradotto in lingua inglese nel 1612, vale a dire poco prima che Shakespeare smettesse di scrivere. Secondo il filologo Angel Luis Pujante Cervantes fu la fonte di Shakespeare per The History of Cardenio, l’opera rappresentata a Londra nel 1613. La storia di Cardenio, infatti, si trova nella prima parte del capolavoro di Cervantes, il Don Chisciotte, e Shakespeare, con un metodo ormai consolidato in un quarto di secolo di scrittura, la ridusse a testo per la rappresentazione scenica.

Il successo di Cervantes fu enorme sin dall’uscita in Inghilterra e Shakespeare non poteva non esserne cosciente. Nel secolo successivo l’opera di Cervantes avrebbe avuto un’influenza determinante su Henry Fielding (Tom Jones) e su Laurence Sterne (Vita e opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo).

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 13 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO