Elena Ferrante candidata al Man Booker International Prize

I libri sono stati selezionati tra 155 opere proveniente da ogni paese del mondo e tradotti in inglese

26022.jpg

Da qualche giorno il suo nome - solo quello - è tornato alla ribalta per via della notizia della sua probabile identità svelata. Notizia smentita subito dopo, ma il trucco fa parte del gioco che rende Elena Ferrante, scrittrice di cui non si conosce il volto nè altro, un vero caso letterario.

Questo e ovviamente il suo talento: i suoi libri sono dei veri e propri best seller venduti in tutto il mondo. Non a caso il suo ultimo romanzo, "Storia della bambina perduta", è tra i 13  finalisti del Man Booker International Prize 2016, il più importante premio letterario internazionale del Regno Unito. Assieme a lei, i premi Nobel per la letteratura Orhan Pamuk e Kenzaburō Ōe, e autori emergenti come il congolese Fiston Mwanza Mujila e il finlandese Aki Ollikainen.

e scelti da una meticolosa giuria. Fino al 2015 il premio è stato assegnato all’opera omnia di un autore scritta in inglese o disponibile in inglese, ma da questa edizione il premio verrà selezionata una singola opera, anche scritta in un’altra lingua e tradotta in inglese, per sostenere la letteratura straniera e dare importanza anche al lavoro dei traduttori.

In palio ci sono 50mila sterline (quasi 65mila euro), da dividere equamente tra autore e traduttore dell’opera vincitrice. Il 14 aprile la giuria annuncerà la lista definitiva dei sei libri finalisti, premiati ognuno con mille sterline (circa 1.300 euro), da ripartirsi sempre tra autore e traduttore. Il vincitore sarà annunciato il 16 maggio.

I nomi degli altri 12 romanzi finalisti li trovate qui.

71x2tid4fal.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO