Umberto Eco, i libri e la biografia

Scrittore, filosofo, intellettuale a 360 gradi, Umberto Eco nasce ad Alessandria nel 1932

Scrittore, filosofo, intellettuale a 360 gradi. Questo era Umberto Eco, che si è spento venerdì 19 febbraio a 84 anni, nella sua abitazione di Milano.

Umberto Eco: la vita


Umberto Eco nasce ad Alessandria il 5 gennaio del 1932. Figlio di un negoziante di ferramenta, ha conseguito la maturità classica e si è poi laureato in filosofia a Torino nel 1954, con una Tommaso D'Aquino, l’uomo che – come commentò successivamente – “mi ha miracolosamente curato dalla fede”, riferendosi ai suoi trascorsi nei GIAC, l'organizzazione giovanile dell'Azione Cattolica.

Nello stesso anno della laurea partecipa e vince un concorso della RAI per l'assunzione di telecronisti e nuovi funzionari, professione abbandonata però alla fine degli anni Cinquanta. Dall'esperienza lavorativa in RAI però conosce i membri del cosiddetto “Gruppo 63”, gruppo neoavanguardista , una “un movimento spontaneo suscitato da una vivace insofferenza per lo stato allora dominante delle cose letterarie: opere magari anche decorose ma per lo più prive di vitalità […] Furono l'ultima fiammata del neorealismo in letteratura, fioca eco populista della grande stagione cinematografica dei Rossellini e dei De Sica”.

Sono gli anni più fervidi, in cui Eco pubblica opere come “Apocalittici o integrati”, libro di culto per tutti gli studiosi della comunicazione e dell’informazione. Argomenti che tratta anche nei suoi corsi universitari, in numerosi atenei: a Torino, Milano, Firenze e, soprattutto Bologna, dove è stato direttore dell'Istituto di Comunicazione e spettacolo del DAMS, dando inizio al Corso di Laurea in Scienze della comunicazione.

Nel 2013 tiene una lectio magistralis all’assemblea dell’ONU, a New York, in cui ha presentato: “Encyclomedia”, un'enciclopedia digitale – di cui era direttore – che, attraverso la storia, la letteratura, le scienze, la musica, la filosofia, l’arte, ma anche economia, diritto, medicina, tecnologia, mito, religione, comunicazione, raccoglie i principali avvenimenti della storia della civiltà europea dall’antichità all’inizio del terzo Millennio. Nel 2015 è stato al centro di numerose polemiche per aver sparato a zero contro i social media, definendoli un luogo “in cui pullulano legioni di imbecilli". Qui le altre citazioni.

Umberto Eco: I libri


Autore di numerosi romanzi e saggi di semiotica, comunicazione, estetiva medievale, linguistica, filosofia. Tra i suoi maggiori successi letterari c’è “Il nome della rosa”, romanzo del 1980, che ispirò l’omonimo film di Jean-Jacques Annaud. Nel 1988 pubblica "Il pendolo di Foucault", satira dell'interpretazione paranoica dei fatti veri o leggendari della storia e delle sindromi del complotto. Aveva recentemente pubblicato “Numero zero”, libro critica al giornalismo, pubblicato nel 2015.

Tra i saggi vanno ricordati - oltre Apocalittici e Integrati -  Il superuomo di massa. Studi sul romanzo popolare, del 1976; Come si fa una tesi di laurea (1977) una Bibbia per gli studenti universitari; Lector in fabula (1979); Storia della bruttezza (2007).

 


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO