Il dottor Mozzi e la dieta del gruppo sanguigno ospiti di Fabio Volo, i libri della teoria-bufala

Si torna a parlare (impropriamente) di questo discusso regime alimentare, ampiamente sbugiardato a livello scientifico

covermozzi.jpg

Facciamo una doverosa premessa: la dieta del gruppo sanguigno è stata ampiamente sbugiardata a livello scientifico. E nemmeno tanto recentemente per cui, come amiamo ripetere, bastano 5 secondi di ricerca su Google per fare le dovute verifiche (ad esempio c'è questo interessante articolo su Wired o il post di approfondimento su Butac che riprende questo pezzo su Query).

Verifiche a quanto pare tralasciate nel corso della trasmissione condotta dallo scrittore Fabio Volo su Radio Deejay, che proprio in questi giorni (che combo!) ha ospitato il dottor Pietro Mozzi, medico volto noto di una piccola emittente locale e soprattutto promotore del regime alimentare ideato dal naturopata statunitense Peter J. D'Adamo.

Il medico continua così a riscuotere consensi e il suo libro, "La dieta del Dottor Mozzi", continua ad essere cercato e venduto così come moltissime altre pubblicazioni sul tema come (vi facciamo alcuni esempi) "La dieta italiana dei gruppi sanguigni. Il nuovo metodo personalizzato per perdere peso, disintossicarsi e tonificarsi", "La dieta secondo il gruppo sanguigno", "Il grande libro delle ricette per la dieta dei gruppi sanguigni", "Dieta e gruppi sanguigni. La proposta rivoluzionaria di Peter D'Adamo" o "Le ricette del dottor Mozzi. Mangiare con gusto senza glutine, secondo i gruppi sanguigni".

Ma una trasmissione di intrattenimento diffusa a livello nazionale (in questo caso radiofonica) non è esattamente il posto ideale per parlare di medicina, senza effettuare le dovute verifiche e senza ospitare eventuali contraddittori. Volo, che evidentemente dopo l'exploit con Salvini si è montato la testa, addirittura annuncia 'numerosi incontri' che avverranno durante l'anno - non è dato sapere se con Mozzi ma a maggior ragione è d'obbligo avvisare -.

Evidentemente la lezione del caso Stamina non è stata ancora recepita.

  • shares
  • +1
  • Mail