BilBOLbul 2015, a Bologna il Festival Internazionale di fumetto

12187761_10153085511886951_6440444944657622578_n.jpg

Torna, dal 19 al 22 novembre, BilBOLbul, il festival internazionale di fumetto che si tiene a Bologna.
Il tema dell'edizione di quest'anno, ormai la nona, sarà un classico, ma intramontabile argomento: il linguaggio del fumetto. Ad accompagnarci nel discorso esplicativo, tanti ospiti: da Giacomo Nanni a Richard McGuire, da Lilli Carré ad Alice Socal.

Come ogni anno BilBOLbul coinvolge l'intera città con tante le iniziative, appuntamenti ed eventi; uno in particolare, molto interessante, sarà un focus interamente dedicato a Bologna e i suoi maestri,  da Magnus a Luigi Bernardi, da Bonvi a Giorgio Morandi, la cui vita sarà oltretutto il fulcro di una biografia a fumetti realizzata per il festival.

Mostre, esposizioni, tavole rotonde, laboratori per bambini, workshop, proiezioni e dj set sono gli appuntamenti che animano il ricco calendario del Festival, curato da anni da Hamelin Associazione culturale.
Perchè puntare sul linguaggio del fumetto? "Perchè - spiega Emilio Varrà di Hameline intervistato dal Corriere della Sera - il rischio figlio della tendenza degli ultimi anni, il tanto parlare delle graphic novel, è quella di considerare il fumetto importante perché parla di qualcosa. L’importanza del fumetto è come lo fai". Per questo un altro focus è incentrato su cinque lectio magistralis dedicate proprio all’evoluzione del linguaggio fumettistico in accordo con lo sviluppo di nuovi mezzi tecnologici e di nuovi tipi di fruizione.

Il programma di BilBOLbul è disponibile sul sito, la pagina Facebook, Twitter, Instagram e sul canale Youtube.

12046918_10153023923146951_3406559536244498642_n.jpg

 

 

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO