Più Libri più liberi 2015, a Roma la Fiera della piccola e media editoria

img_0010.jpg

La piccola e media editoria si ritrova ancora una volta a Roma in occasione di "Più libri più liberi", Fiera dell'editoria poco mainstream.

La Fiera nazionale, organizzata dall'Aie-Associazione Italiana Editori a Roma, si terrà al Palazzo dei Congressi dell'Eur dal 4 all' 8 dicembre; un evento di totale controtendenza e soprattutto resistente alla grave crisi del mercato del libro che negli ultimi cinque anni ha perso oltre il 20 per cento.

Tanti gli appuntamenti in questa cinque giorni: incontri, conferenze, tavole rotonde, reading, spettacoli e laboratori, per un totale di 330 appuntamenti ai quali parteciperanno 380 editori e una media di 50 mila visitatori, numeri su cui ormai la Fiera si è ampiamente attestata.

Vasto ed eterogeneo è il programma: dalle grandi promesse internazionali ai classici contemporanei, dagli autori italiani più amati fino ai fumettisti, ma anche youtubers, novità dell'anno e poi attori, giornalisti, politici, intellettuali e scienziati che incontreranno il pubblico e si confronteranno sui grandi temi della letteratura e della fiction, ma anche dell'attualità.

Tra i nomi più attesi c'è Annie Ernaux, scrittrice francese e vincitrice di numerosi Premi, che incontrerà il pubblico per parlare di un tema di vasta attualità: quello dei migranti. La Regione Lazio invece renderà omaggio a Khaled al-Asaad, direttore del sito archeologico di Palmira assassinato dall'Isis. Non solo: l'evento ospiterà nomi importanti come Stéphanie Hochet e Cécile Coulon, autori provenienti da altri paesi ma che in lingua francese hanno scritto le loro opere e raggiunto riconoscimenti internazionali, o come il congolese Alain Mabanckou.

Non solo letteratura: la politica internazionale e l'attualità saranno il frame con il quale incorniciare dibattiti di geopolitica, con ospiti del calibro di Marc Lazar.
Tanti i nomi stranieri, ma anche italiani:  Erri De Luca, con un discorso sulla libertà di parola, Andrea Camilleri, Massimo Carlotto,  Ascanio Celestini, il vincitore del Premio Campiello 2015 Marco Balzano, Giancarlo De Cataldo, Tommaso Pincio. E ancora: Niccolò Ammaniti, Goffredo Fofi, Nicola Lagioia, Dacia Maraini, Francesco Piccolo.
Non poteva mancare un omaggio a Pier Paolo Pasolini, a 40 anni dalla sua scomparsa, mentre uno spazio alla modernità sarà dato con il racconto di due nuove forme narrative, quelle provenienti da Youtue, di grande successo, come la serie The Pills e il videonotiziario di Alessandro “Shooter Hates You” Masala.

logo-rosso_scritta-dentro.jpg

Il programma di Più Libri più liberi è sia sul sito che sulle pagine Facebook e Twitter e il canale Youtube.

  • shares
  • Mail