La profezia di Clementino, l'autobiografia del rapper campano

12189554_10153672357484431_2952226811041683358_n.jpg

I suoi fan si sono segnati questa data sul calendario. Esce oggi, infatti "La profezia di Clementino - Quel che ho sognato tra sud e rap", primo libro autobiografico del celebre rapper campano.

Edito da Rizzoli, il libro racconta per filo e per segno la storia di Clemente Maccaro e della strada percorsa che lo ha condotto al successo. Ma anche piccoli aneddoti della sua vita privata e le cose a cui non rinuncerebbe mai, nemmeno oggi che è tra i rapper più amati d'Italia, come i pranzi domenicali in famiglia con una "vrangata" di parenti.

Nel libro ci sono anche i suoi interessi, la sua città, Cimitile, da dove a 14 anni ha iniziato a fare free style, le sue esperienze a Napoli con l'hip hop e le crew (prima Trema Crew e successivamente nei TCK), e i tanti successi arrivati anno dopo anno:  il 1º posto al Tecniche Perfette 2004, al Da Bomb 2005, al Valvarap 2006 e al 2theBeat 2006, battendo in finale Ensi, allora campione in carica, che già nel 2005 sconfisse in finale lo stesso Clementino.

Ci sono anche i suoi libri preferiti, pochi (solo 5, ammette nell'autobiografia): "Gomorra", scoperto dopo il film, "Il gabbiano Jonathan Livingston", "Fattore H. Slalom di un disabile nella nostra società", "Dietrologia. I soldi non finiscono mai" e "I ragazzi della via Pal". Ci sono i momenti che hanno segnato il suo passaggio da Clemente Maccaro, a Clementino, Iena White, la parabola di un ragazzo che è partito da zero e che oggi si ritrova migliaia di fan che lo riconoscono, lo salutano, lo cercano.

E poi i ricordi: la stretta di mano a Maradona, l'esperienza di attore con Siani, il concerto in Salento dove fece da apripista all'americano Snoop Dogg, il disco d’oro e l’amicizia con Pino Daniele a cui dedica un intero capitolo “Fai buon viaggio”.

12065813_10153670506649431_5165894005366552878_n.jpg

Credits | Facebook

  • shares
  • Mail