Pasolini, gli eventi a 40 anni dalla morte

Mostre, proiezioni, dibattiti. In periferia e in centro. Al nord come al sud. Gli eventi per ricordare Pier Paolo Pasolini a 40 anni dalla sua terribile morte sono tanti e si protrarranno oltre la giornata di oggi, 2 novembre 2015. Una giornata nera per la storia e la cultura italiana perchè fu proprio il 2 novembre del 1975 che Pasolini fu travolto e ucciso dalla sua stessa auto, dopo essere stato brutalmente picchiato, sulla spiaggia dell'idroscalo di Ostia.

Tanti gli appuntamenti in calendario, molte le commemorazioni in tutte le città che fanno parte della vita di Pasolini: Bologna, Casarsa della Delizia, Roma. E proprio Roma lo ricorda in particolar modo, con un ricchissimo calendario di eventi, spettacoli, manifestazioni e reading.
Roma, ma soprattutto la periferia romana, quella che Pasolini ha descritto e celebrato maggiormente, nei suoi libri come nei film. Oggi il Teatro Argentina di Roma ospita una maratona di letture da Petrolio, il romanzo incompiuto di Pasolini. Sul palco, a passarsi il testimone, 22 artisti, tra cui Bernardo Bertolucci, Abel Ferrara, Ninetto Davoli e Giuliana De Sio.  Inoltre un'area permanente alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma sarà dedicata a lui.
Presso il  Museo Criminologico di Roma è stata allestita  la mostra dedicata a "Il caso Pasolini", nella quale sono esposti per la prima volta al pubblico i reperti dell'omicidio:  abiti, occhiali, documenti, libri, ma anche altri oggetti trovati sul luogo del delitto, tra cui due assi di legno utilizzate per colpirlo.  La mostra sarà aperta unicamente nelle giornate di lunedì 2 e martedì 3 novembre (ore 9-19). L'ingresso è libero.

A Bologna, città in cui Pasolini è nato, il Comune e la Fondazione Cineteca hanno promosso il progetto "Più moderno di ogni moderno": sei mesi di eventi, a partire proprio dal ritorno nelle sale e in dvd di Salò restaurato. Il convegno "Pasolini poeta dell'eresia", poi, si protrarrà fino a marzo, mentre la mostra "Strategia del linciaggio e delle mistificazioni" è alla Sala Borsa fino al 15 novembre. E "Officina Pier Paolo Pasolini", dedicata all'universo poetico, estetico e culturale di Pasolini, parte al Mambo il 17 dicembre e rimane aperta fino al 28 marzo 2016.

Un omaggio anche dal Friuli Venezia Giulia: oggi a Casarsa è in programma una commemorazione pubblica sulla tomba dell'artista. A Udine il Teatro stabile dedica un'intera stagione all'artista: tra i protagonisti Luigi Lo Cascio e Giuseppe Battiston. E ancora, al teatro Verdi di Pordenone, sabato 31 ottobre c'è il concerto "Omaggio a Pasolini. Preludio".

A Firenze, invece il Gabinetto Viesseux sarà il centro delle celebrazioni e delle commemorazioni: qui si potranno conoscere i suoi manoscritti, affidati nel 1988 all'istituto dalla cugina del poeta, Graziella Chiarcossi.

Non solo Italia:  a New Delhi scatti inediti è stata allestita una mostra fotografica con immagini della sua vita essere esposte nei locali dell'Istituto di Cultura Italiano, mentre l'Istituto italiano di cultura di Zurigo ha organizzato una retrospettiva cinematografica alla presenza di Ninetto Davoli. A Basilea, infine il 9 e 10 novembre, alcune letture sceniche proposte da Elettra de Salvo, tra cui "Come siamo giunti a questo vuoto?",  in tedesco e in italiano, arricchita dalla proiezione di immagini d'epoca e attuali.

Pier Paolo pasolini

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail