Non solo Pompei, il libro-denuncia sullo stato dei siti archeologici campani

gettyimages-476523107.jpg

230 pagine per descrivere lo stato di ben 35 aree archeologiche bisognose d’ intervento. Di questo parla "Non solo Pompei-Viaggio nell'archeologia derelitta in Campania", libro denuncia del giornalista e scrittore Antonio Cangiano.

Il libro riporta e segnala le situazioni di "archeo-sfascio" dell'enorme patrimonio archeologico della Campania, un parco archeologico costituito da siti "minori" e più importanti minacciato dall'abusivismo, dall'inquinamento e dall'incuria. Un patrimonio immenso sul quale è passata la mano della camorra, nella gestione degli appalti, mentre tutt'intorno cresce erbaccia e palazzine abusive.

La Campania che gli antichi chiamavano "Felix" per l'abbondanza del suo territorio e delle sue risorse naturali si ritrova piegata da un sistema dal quale non si trova uscita. Tutto questo è racchiuso in quello che è probabilmente il primo libro di denuncia di una situazione che è sotto gli occhi di tutti. Con la prefazione di Gian Antonio Stella, "Non solo Pompei" offre al lettore un'amara fotografia dell'esistente, una fotografia ben più vasta di quello che i media solitamente offrono dedicando la loro attenzione quasi esclusivamente all'emergenza Pompei.

Una raccolta di reportage scritti  dal 2010 al 2015, un focus sui siti cosiddetti minori, utile ad integrazione di guide turistiche campane, frutto di una costante passione e impegno  civile nel  riportare  il patrimonio  archeologico fuori dai percorsi turistici, ma anche  nel centro storico di Napoli   quei beni storici artistici  usurati dal tempo per restituirli  alle generazioni che verranno.

gettyimages-485239475.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 231 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO