Boss di mafia finalista al Premio Sciascia, si dimette un giurato

Nella rosa dei finalisti, "Malerba", romanzo scritto da Giuseppe Grassonelli, ergastolano a capo della Stidda

Il Premio Sciascia è un prestigioso riconoscimento letterario, istituito nel 1980 da Leonardo Sciascia, scrittore e giornalista,  autore de "Il Giorno della civetta", celebre romanzo giallo che lo scrittore siciliano srisse prendendo spunto dall'omicidio di Accursio Miraglia, sindacalista comunista ucciso a Sciacca nel 1947 per mano della mafia.

È sembrato quindi paradossale a Gaspare Agnello, storico giurato del Premio, che tra i finalisti che corrono quest'anno ci sia anche un libro scritto da un boss di mafia, Giuseppe Grassonelli. Per questo ha deciso di dare le dimissioni e di abbandonare la giuria che ha inserito nella rosa dei finalisti  "Malerba", scritto da Grassonelli in collaborazione con il giornalista Carmelo Sardo.

Nel libro Grassonelli, uomo a capo della Stidda, condannato all'ergastolo e ancora oggi detenuto, ammette i suoi errori e confessa gli sbagli. Lo fa rivolgendosi direttamente al lettore, al quale racconta la sua "carriera" da mafioso iniziata da giovanissimo e chiede l'assoluzione morale dai suoi crimini.

Leonardo Sciascia

Il pentimento non è piaciuto ad Agnello, che ha così motivato le sue dimissioni:

È possibile che un ergastolano che si è macchiato di crimini efferati – scrive – partecipi a un premio letterario di cui sono stati protagonisti Sciascia, Consolo e Bufalino? Io penso di no perché il libro racconta la verità di Grassonelli che non è neppure collaboratore di giustizia e che le sue vittime non possono contestare.

Per Agnello, il boss/scrittore con una laurea in lettere,

tenta una velata giustificazione delle sue azioni che continua a chiamare atti di guerra e non assassinii di mafia. Ciò lancia una cattiva luce sul libro. E dargli il premio, nato come strumento culturale di riscatto del Sud, ma che da oggi non può più fregiarsi del nome di Sciascia, sarebbe un'offesa alla tante vittime. Che sconfitta per la cultura...

Via | Crimeblog
Foto | Wikipedia

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 19 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO