Uno stralcio d'amore da Kafka a Milena

Scritto da: -

Kafka vide Milena poche volte, eppure quegli attimi rubati diedero vita a magnifici torrenti d’inchiostro, racchiusi nelle “Lettere a Milena”. Frasi che si susseguivano oltre il dolore della distanza, oltre l’incomprensione della comunicazione mediata dalla parola, tirannica anche nelle dita di due “plasmatori di mestiere” come i protagonisti della vicenda amorosa, quasi completamente privati della sensuale gioia del contatto. Un rapporto sublimato e straziato a forza di sottili stilettate, arricchito e smunto come solo le grandi relazioni epistolari hanno possono essere.

Lei era Milena Jesenska-Polak, scrittrice, traduttrice e giornalista boema di talento, sposa infelice e tradita di Ernst Pollak; lui il creatore dall’immaginazione formidabile, autore delle Metamorfosi, Il Castello, Il processo… ossessionato dall’impurità della condivisione carnale e sempre più ripiegato su se stesso, per sottrarsi al mondo e alle sue ingiustizie.

Domenica saremo insieme, cinque, sei ore, troppo poche per parlare, abbastanza per tacere, per tenerci per mano, per guardarci negli occhi.

Franz Kafka; Praga 8-9 VIII .2o Domenica sera.

Via | lafrusta.net

Foto| facebook.com

Vota l'articolo:
3.71 su 5.00 basato su 28 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Uno stralcio d'amore da Kafka a Milena

    Posted by:

    ok, comunque la foto sarebbe mia. :p Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Booksblog.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.