Mille scrittori contro Amazon, lettera denuncia sul NYT

La denuncia di quasi mille scrittori contro il colosso dell' e-commerce, accusato di abuso di potere

Paul Auster, il premio Pulitzer Jennifer Egan, John Grisham e Stephen King. Sono tra i primi firmatari dei quasi mille scrittori che hanno inviato una lettera sul New York Times contro il colosso dell'e-commerce Amazon, per denunciare le azioni di boicottaggio messe in atto dell'azienda.

Le penne del mondo, famose e meno famose, si schierano contro Amazon e contro il suo abuso di potere: ad infastidire gli scrittori sono i metodi dell'azienda di Jeff Bezos, invitandola a non danneggiare gli autori. Tutto è nato quando mesi fa Amazon si è lanciata in una campagna di business con la casa editrice Hachette, mettendo in mezzo proprio gli autori.

L'intento di Amazon era quello di ottenere da Hachette condizioni più economiche sul prezzo dei loro volumi e-book ma, a richiesta rifiutata, Bezos ha ostacolato la vendita di libri di autori pubblicati da Hachette attraverso il suo sito e ha ridotto le scorte di magazzini dei libri di questi autori.

File of a box from Amazon.com is pictured on the porch of a house in Golden, Colorado

Così è stata pensata la lettera, frutto dello scrittore di gialli Douglas Preston, "danneggiato" proprio da Amazon e da altre 909 firme di autori che non pubblicano con Hachette:

In quanto scrittori crediamo fortemente che nessun rivenditore dovrebbe bloccare la vendita di libri o prevenire o scoraggiare i consumatori dall'ordinare o ricevere i libri che desiderano.

E poi continua:

Non è giusto da parte di Amazon punire un gruppo di autori, che non sono coinvolti nella disputa, per ritorsioni mirate.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO