Le guide turistiche per scoprire Roma. Cinque proposte più una

La Roma da gustare h24, dalla colazione al dopocena, o quella da vivere anche quando piove. Cinque guide turistiche alternative per godere appieno della Capitale.

Roma da guardare da una prospettiva insolita, quella dei suoi tetti. O da scoprire nei suoi luoghi "segreti" lontani dai soliti giri turistici. Eccoci qua con la proposta di cinque guide turistiche per vivere la Capitale.

Preziosa è ad esempio una guida diventata un piccolo "cult", ovvero Le chiavi per aprire 99 luoghi segreti di Roma, di Costantino d'Orazio (Palombi ed.) che ci segnala una selezione di palazzi, siti archeologici e monumenti antichi famigerati per la loro inaccessibilità.

Dalle stanze della principessa Colonna ai Giardini vaticani passando per i luoghi che custodiscono l'archivio segreto dei Papi. Luoghi che l'autore ci spiega come avere l'autorizzazione per visitare fra telefonate e mail ai contatti giusti, passo passo.

La seconda proposta capita a proposito in questa estate balorda, visto che, se visitare Roma in estate è una garanzia per chi ha voglia di godersela al meglio, in questa stagione ballerina non sono stati pochi i giorni in cui la pioggia ha funestato la città. Una serie di indirizzi "di emergenza" anche nella bella stagione è allora Roma quando piove, di Carmen Palombi Rotunno (Palombi ed.).

99 luoghi segreti di Roma

Fra le tante proposte suggerite, alcuni mercatini, spettacoli teatrali, e luoghi dove bere in santa pace un buon bicchiere di vino o gustarsi una bella tazza di tè godendosi l'atmosfera del posto. La sfida? non rimpiangere il sole a fine giornata.

Molto carina anche la guida alle 101 cose da fare a Roma almeno una volta nella vita, una collana molto originale Newton Compton, firmata in questo caso da Ilaria Beltramme, tutta da scoprire.

Roma città da esplorare nelle sue bellezze urbanistiche, ma anche città dove scovare gli indirizzi giusti per mangiare: quali i posti più belli dove fare colazione, fermarsi per uno spuntino con i colleghi a metà mattinata, un brunch o il più classico degli aperitivi?

Ce lo racconta Simone Cargiani, già noto per le sue edizioni di Roma nel piatto, in questo Il saporario. Roma 2014/2015. Guida pratica della città dalla colazione al dopo cena (La pecora nera ed.)

La guida, leggo, è suddivisa in "7 fasce orarie - colazione, pranzo, merenda, aperitivo, cena, fino a tardi e a tutte le ore - valutando oltre 400 locali e riportando l'esperienza vissuta in schede dettagliate con approfondimenti su offerta, servizio e ambiente".

Infine, non è una guida turistica tour court ma la segnaliamo perchè ci regala una prospettiva insolita per guardare Roma che nessuno potrà mai mostrarci a naso in su, ovvero quella dei suoi tetti, attraverso la geografia dei quali è possibile (ri)scoprire la città: ce la racconta I tetti di Roma raccontano di Franco Bevilacqua (Art'em).

Un ritratto insolito della città, molto difficile da scovare altrove perchè fatto, come illustra il volume, a partire dalle terrazze di amici ospitali, dalle mansarde dei sottotetti, dalle verande segrete, a cui all'illustrazione delle meraviglie della città si associa il racconto garbato di aneddoti popolari e leggende.

Qualche esempio? Dai campanili di Trinità dei Monti, a Villa Medici, passando per Piazza Navona e Palazzo Farnese, o dalla cupola di San CarLo ai Catinari, e Palazzo Barberini.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 25 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO