Un mondo per gli Artefici, di Charles Sheffield. Urania maggio 2014

In edicola Charles Sheffield e il Ciclo dell'Heritage Universe

un-mondo-per-gli-artefici-sheffield-urania-maggio-2014

Le uscite di Urania per maggio 2014 sono: Un mondo per gli Artefici, di Charles Sheffield, per Urania collana madre, Le montagne volanti, di Poul Anderson, per Urania Collezione, Il libro del fiume e delle stelle, di Ian Watson, per Urania Millemondi. Oggi presentiamo il primo.

Charles Sheffield (1935-2002), inglese trapiantato in America, è stato un matematico e un fisico, oltre che uno scrittore di fantascienza. Vincitore di Hugo e Nebula per il racconto Georgia on my Mind, del 1993, e del Campbell Memorial (diverso dal premio for Best New Writer, gestito dal comitato organizzatore della Worldcon e del Premio Hugo) per il romanzo Brother to Dragons.

Sheffield è stato presidente, oltre che dell'American Astronautical Society, anche della Science Fiction and Fantasy Writers of America, l'associazione che gestisce il Nebula. Fu sposato, in terze nozze, con la nota scrittrice di fantascienza Nancy Kress.

Molti sono i romanzi e i racconti, spesso raccolti in cicli, i primi, e in antologie monografiche o multiautore, i secondi (qui in dettaglio) di Sheffield, scrittore razionalista, principalmente votato alla fantascienza hard e alla space opera, spesso associate all'enigma e al mistero.

Tra i cicli ricordiamo Proteus, Cold as Ice, McAndrew, Chan Dalton, Aftermath e naturalmente Heritage Universe, la serie di cui il romanzo in edicola a maggio, Un mondo per gli Artefici, fa parte.

La pentalogia - di cui, in Italia, sono già stati pubblicati il primo volume, Quake pianeta proibito (Urania 1274, 1996), e il quarto, Punto di convergenza (Urania 1359, 1999) - si ambienta alcuni millenni nel futuro e vede gli esseri umani, ormai diffusi nella galassia, abitata anche da altre civiltà, clarkianamente imbattersi in antichissimi, immensi artifatti realizzati dalla razza, estinta da tre milioni di anni, dei Costruttori (o Artefici).

Un mondo per gli Artefici, che è il secondo volume della serie, racconta di un gruppo di personaggi che si ritrova a elaborare una teoria su questa antica razza, mentre una minaccia altrettanto antica mette in pericolo l'universo.

Questa la sinossi ufficiale del libro: Civiltà antichissime, reperti che tornano alla luce dopo millenni, manufatti sepolti sotto strati di sabbie o di lava sono un tema prediletto dell’immaginazione fin da quando, nel 1748, re Carlo III avviò sistematicamente gli scavi di Pompei. La fantascienza di ambiente planetario eredita questa tradizione spostandola su un piano ipertecnologico, ed eccoci arrivati su Quake (un pianeta già visitato dai lettori di “Urania” nel n. 1274). La razza degli Artefici nasconde i suoi segreti lassù ed è per questo che una delegazione umana ed extraumana ha cercato a lungo di approdarvi. Ma se per Darya Lang si tratta soprattuto di una sfida intellettuale, per altri il mistero può nascondere insidie letali. Infatti i guai cominciano – per umani ed extraumani – non quando l’enigma è ancora insoluto e gli scavi sono a rischio soltanto di una cattiva amministrazione, ma quando i manufatti svelano, poco a poco, la loro vera funzione di trappole nello spazio…

Ciclo dell'Heritage Universe

1. Summertide, 1990 (Quake, pianeta proibito, 1996)
2. Divergence, 1991 (Un mondo per gli Artefici, 2014)
3. Transcendence, 1992
4. Convergence, 1997 (Punto di convergenza, 1999)
5. Resurgence, 2002

Charles Sheffield
Un mondo per gli Artefici
Urania 1606 (Mondadori)
€ 4,90
In edicola dalla prima settimana di maggio

urania-maggio-2014-mondadori

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO