Ossa della terra, di Michael Swanwick, per Urania I Capolavori di aprile 2014

In uscita un romanzo che, nella sua versione breve, ha vinto il Premio Hugo 2000


Ossa della terra

, di Michael Swanwick, è l'uscita di aprile 2014 per Urania I Capolavori.

Americano, classe 1950, Micheal Swanwick è un importante autore di fantascienza e fantasy, vincitore - sia per la narrativa lunga che per quella breve - di Nebula, Hugo, Theodore Sturgeon, World Fantasy e dell'interessante e meno noto Alex (premio statunitense, gestito dalla YALSA, Young Adult Library Services Association, che viene attribuito a opere per adulti che hanno un appeal anche per i lettori giovani, tra i 12 e i 18 anni, e che lo scrittore ha vinto, nel 2009, col fantasy The Dragons of Babel/I draghi di Babele).

Swanwick ha cominciato a pubblicare negli Anni Ottanta e ha toccato molti temi (come viaggi nel tempo, nello spazio, cyberspazio e questioni collegate) e sottogeneri del fantastico, nel corso della sua carriera, compresi cyberpunk, new weird e steampunk, sia in ambito sci-fi che nel fantasy (I draghi di Babele, ad esempio, che fa parte della serie I draghi del ferro e del fuoco, a base di draghi biomeccanici ed elfi, è ascrivibile, tra le altre cose, allo steamfantasy *).

Tra i romanzi ricordiamo almeno In the Drift, 1984 (Il tempo dei mutanti), Vacuum Flowers, 1987 (L'intrigo Wetware), Stations of the Tide, 1991 (Domani il mondo cambierà), premio Nebula, The Iron Dragon's Daughter, 1993 (La figlia del drago di ferro), tra i racconti, spesso nominati o vincitori di premi, Dogfight, 1985 (Duello), con William Gibson, The Edge of the World, 1989 (Il margine del mondo, vincitore Sturgeon), The Very Pulse of the Machine, 1988 (La pulsazione della macchina, v. Hugo), Radiant Doors, 1998 (Porte Radianti, nominato Nebula), Ancient Engine, 1999 (Motori antichi, n. Nebula), The Dog Said Bow-Wow, 2001 (Il cane che diceva: "Bau", v. Hugo), Slow Life, 2002 (v. Hugo), 'Hello,' Said the Stick, 2002 (n. Hugo), Legions in Time, 2003 (v. Hugo).

Tra i racconti premiati (con l'Hugo, per l'esattezza) c'è anche Scherzo with Tyrannosaur, del 1999. Da questo, Swanwick, nel 2002, ha sviluppato il romanzo Bones of the Earth (Ossa della Terra), nominato a Nebula, Hugo, Locus e Campbell, cioè il romanzo - già pubblicato in Italia nel 2003 - in uscita in questi giorni per Urania I Capolavori.

Ossa della Terra vede il governo americano, a cui è stata offerta la tecnologia dei viaggi nel tempo, proporre al paleontologo Richard Leyster la possibilità di recarsi in tempi preistorici con l'imperativo di non modificare nulla, per non rischiare la creazione di paradossi temporali e provocare l'obliterazione dell'universo.

ossa-della-terra-swanwick-urania-i-capolavori-aprile-2014

Seguirà una complessa avventura in cui non mancheranno viaggi tra i dinosauri, l'ingresso di altri personaggi, l'idea di un terrorismo "creazionista" (*), la rivelazione degli scopi di chi ha donato la tecnologia dello spaziotempo all'umanità.

Questa la sinossi ufficiale del libro: Richard Leyster si occupa di dinosauri e il suo mondo naturale è il Mesozoico, ma quando gli viene offerta l’impensabile opportunità di andarci, si imbatte in una forma di vita molto più misteriosa del previsto.

Tramutatosi in investigatore, dovrà scoprire cosa si nasconde nel
passato e al tempo stesso, non fare niente che possa creare una contraddizione nel flusso cronologico. Se il sogno dei paleontologi è visitare altre epoche, Leyster dovrà tenere conto anche del fattore umano e prevenire gli scopi poco chiari di gente disposta a tutto, compresi i fanatici del suo tempo. Ma la passione per il mistero resta la più forte e Richard Leyster va…

Micheal Swanwick
Le ossa della terra (Bones of the Earth)
Urania I Capolavori (Aprile 2014, nr. 1605)
€ 4,90
In edicola nei prossimi giorni


    “Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita”.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO