La rivalsa delle scimmie, di Aldous Huxley

Uscita una nuova edizione di un romanzo distopico di Huxley meno noto


E' appena uscito, per Gargoyle, La rivalsa delle scimmie (Ape and Essence), di Aldous Huxley, romanzo del 1948, assente, dagli scaffali italiani, da una decina d'anni.

Aldous Huxley (1894-1963), scrittore e intellettuale britannico, è noto ai più almeno per Il nuovo mondo (Brave New World, 1932), grande classico della narrativa distopica, e Le porte della percezione (The Doors of Perception, 1954), saggio sugli effetti fisico-mistici - Huxley fu un agnostico curiosamente interessato a spiritualità e misticismo - delle droghe psichedeliche, nella fattispecie la mescalina, e testo importante dei movimenti hippy degli Anni Sessanta (da cui Jim Morrison mutuò il nome per il suo gruppo, The Doors).

Meno conosciuto del "fratello maggiore", Il nuovo mondo, La rivalsa delle scimmie (La scimmia e l'essenza, nelle edizioni italiane precedenti), è un romanzo distopico che l'autore utilizza per criticare il XX secolo, la sua società, la sua politica, le sue strategie militari (tra cui quella della distruzione reciproca assicurata *).

Il romanzo è diviso in due parti: nella prima si narra del ritrovamento di un manoscritto di un certo William Tallis da parte del narratore e di uno sceneggiatore di Hollywood. Nella seconda si riporta il testo del manoscritto stesso, il quale, appunto, racconta la storia Ape and Essence, che vede un mondo, dopo una devastante Terza Guerra Mondiale, profondamente mutato; solo Nuova Zelanda e Africa Equatoriale, estranee al conflitto, hanno visto sopravvivere la propria popolazione. Il resto è una landa desolata fatta di deformazioni da radiazioni, regressione dell'uomo, adorazione di Satana e dominio delle scimmie evolute.

la-rivalsa-delle-scimmie-huxley-gargoyle

Questa la sinossi ufficiale del libro: Hollywood, 1948. Bob Briggs, scrittore e regista, ritrova casualmente il soggetto scartato per un film, “La rivalsa delle scimmie”, scritto dallo sconosciuto William Tallis. Decide allora, insieme a un anonimo narratore, di contattare lo scrittore, ma scopre che è ormai morto; sarà la famiglia a raccontare la storia dell’uomo.
Nella seconda parte del romanzo viene data la trascrizione, commentata dal narratore, del soggetto scartato: un espediente famoso, che permette a Huxley di creare una delle più potenti distopie del suo tempo.
È l’anno 2108. Nuova Zelanda e Africa Equatoriale sono rimaste le sole terre popolate, a seguito di una Terza guerra mondiale che ha devastato il resto del pianeta. Le scimmie, evolutesi a un livello superiore di coscienza, governano sugli uomini ridotti in schiavitù. Ma una piccola comunità di persone, che le radiazioni hanno reso mutanti e che hanno ceduto al trionfo del Male, ha resistito tra le rovine di Los Angeles.
Il lettore assiste all’evoluzione di tale comunità attraverso gli occhi di un esploratore che è stato catturato, pretesto che consente allo scrittore di descrivere un futuro fantastico ma plausibile, e che rappresenta un’amara critica ai tempi moderni.

Aldous Huxley
La rivalsa delle scimmie (Ape and Essence, 1958)
Gargoyle Books
€ 16,00
Uscito ieri, 27 marzo


    “Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita”.

Video | Una rara intervista televisiva ad Aldous Huxley del 1958

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO