Shikasta, di Doris Lessing. La fantascienza di un Premio Nobel

In uscita il primo volume, inedito, del ciclo Canopus in Argos


Shikasta

è il primo volume del ciclo fantascientifico Canopus in Argos, di Doris Lessing, Premio Nobel per la Letteratura 2007, di cui ricordiamo anche, tra gli oltre cinquanta romanzi scritti, almeno L'erba canta (1950), il suo esordio, il ciclo Figli della violenza (1952-1969), Il taccuino d'oro (1962), considerato il suo capolavoro, Discesa all'inferno (1971), Memorie di una sopravvissuta (1974), La brava terrorista (1985).

«Questa cantrice dell'esperienza femminile che con scetticismo, passione e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa» (così recita la motivazione per il Nobel), nata nel 1919 nell'allora Persia (Iran), da genitori inglesi, vissuta in Africa per molti anni, trasferitasi in Inghilterra fino alla fine dei suoi giorni (2013, 94 anni), sposata due volte e madre tre, spettatrice di nazi-fascismo e comunismo sovietico, di guerre mondiali e non, dei movimenti degli Anni Sessanta e Settanta, insignita di riconoscimenti, onori e premi di ogni sorta, paladina delle libertà (femminili, sociali, terzomondiali, dei popoli colonizzati), ribelle, anticonformista, antidogmatica, comunista e - delusa (*) dalla sua mancanza di attenzione alle faccende spirituali - avvicinatasi al sufismo (corrente mistica dell'islamismo), ebbene questa "cantrice" mainstream, a un certo punto della sua vita e alienandosi la critica letteraria, decise che avrebbe scritto narrativa fantascientifica, perchè, come disse in un'interessante intervista al Boston Book Review negli Anni Novanta «in science fiction is some of the best social fiction of our time» (*).

Alla fantascienza - naturalmente più soft che hard, impostata, quindi, su questioni squisitamente umane, legate a temi sociali, culturali, psicologici e meno su tecnologia e scienza - appartiene il ciclo Canopus in Argos, di cui Shikasta rapresenta il volume inziale.

La serie, che ne conta cinque ed è influenzata da temi spirituali e mistici sufisti (tra cui l'idea che l'evoluzione della coscienza e la liberazione individuale possano giungere solo se si comprende il legame tra il destino personale e quello della società *), presenta alcune società in diversi stadi della loro evoluzione nel corso del tempo e, come la Lessing dirà nella prefazione del terzo libro, The Sirian Experiments, permette all'autrice «di esplorare idee e possibilità sociologiche».

Shikasta, romanzo del 1979, racconta la storia del pianeta che dà nome al titolo (e che corrisponde alla Terra) durante tre imperi galattici, Canopus, Sirius e Puttiora; dalla preistoria, al secolo della distruzione (il XX), fino all'Apocalisse, rappresentata dalla Terza Guerra Mondiale.

shikasta-lessing-fanucci

Questa la bella sinossi ufficiale: “Più e più volte, un trauma o una sollecitazione nell’equilibrio davvero precario di questo pianeta hanno provocato un incidente, e Shikasta è stata virtualmente denudata della vita. Si è riempita a ripetizione del genere umano e per questo si è ammalata. Il pianeta è soprattutto un luogo di contrasti e di contraddizioni a causa delle pressioni innate. La tensione è la sua natura essenziale. Questa è la sua forza. Questa è la sua debolezza.”

Shikasta è primo dei cinque romanzi del ciclo Canopus in Argos, in cui Doris Lessing ha creato un nuovo straordinario cosmo, dove la Terra, chiamata appunto Shikasta, altro non è che il campo di battaglia per gli imperi galattici rivali di Canopus, Sirius e Puttiora. Una concezione visionaria e potente che riscrive la storia del nostro mondo, dai primordi all’inesorabile autodistruzione.

Il volume è la cronaca dei suoi ultimi giorni, raccontata attraverso i resoconti personali e la documentazione raccolta da Johor, un emissario inviato da Canopus per mettere un freno al declino. Ma guerra, carestia, epidemie e disastri ambientali devastano il pianeta e, davanti all’umanità che gli sembra impazzita, il compito di Johor appare impossibile da portare a termine.

Serie Canopus in Argos: Archives

1. Shikasta, 1979 (Shikasta, Fanucci, 2014)
2. The Marriages Between Zones Three, Four and Five, 1980 (Un pacifico matrimonio, Fanucci, 2007)
3. The Sirian Experiments, 1980
4. The Making of the Representative for Planet 8, 1982 (Un luogo senza tempo, Fanucci, 2008; noto anche come Pianeta 8, Lucarini Editore, 1989)
5. The Sentimental Agents in the Volyen Empire, 1983

Doris Lessing
Shikasta
Traduzione di Oriana Palusci
Fanucci
€ 20,00 (ebook disponibile)
In uscita il 27 marzo


    “Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita”.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO